Da New Orleans Con Ritmo “Galattico”, Per Allen Toussaint. Stanton Moore – With You In Mind

stanto moore with you in mind

Stanton Moore – With You In Mind: The Songs Of Allen Toussaint – Mascot/Provogue

Stanton Moore, chi è costui? Direi che il quesito manzoniano ci è sempre utile, e quindi rispondiamo. Trattasi di batterista, nello specifico dei Galactic, noto combo di New Orleans, specializzato in jazz, funky, rock, blues, anche heavy metal (con i Corrosion Of Confomity): parliamo ovviamente solo di lui, Stanton, bianco, 45 anni quando uscirà questo With You In MInd il 21  luglio, eclettico pare di capire, ma per l’occasione impegnato in un disco (già il settimo nella sua carriera solista, più una decina con i Galactic, e svariate altre collaborazioni e progetti alternativi) il cui sottotitolo The Songs Of Allen Toussaint, aiuta a capire a cosa ci troviamo di fronte. L’album, in origine, doveva essere una prova in trio, con James Singleton al basso e il “grande” David “Tork” Torkanowsky alle tastiere, tre luminari della musica della Crescent City, in quello che avrebbe dovuto essere un album strumentale di jazz. Ma poi mentre stavano per entrare in studio di registrazione li ha raggiunti la notizia della morte improvvisa in Spagna di Allen Toussaint, e quindi hanno deciso di intraprendere la strada di un tributo al grande musicista di NOLA, coinvolgendo anche un nutrito gruppo di altri musicisti, compresi pure diversi cantanti. E il risultato è ottimo. D’altronde non poteva essere diversamente, il materiale di base, ossia le canzoni di Toussaint, di per sé è già stupendo, se poi nel disco suonano e cantano, in ordine sparso, Nicholas Payton e Donald Harrison Jr., Trombone Shorty, Cyril Neville, Wendell Pierce, Maceo Parker, una cantante poco nota ma bravissima di New Orleans (che lo stesso Moore confessa di non avere conosciuto, prima della registrazione di questo album) Jolynda Kiki Chapman, il risultato è un eccitante “gumbo” di suoni che non esiteremmo a catalogare nella categoria “altri suoni”, anche se il funky/soul e il jazz classico sono i principali elementi.

Ad aprire le danze è Here Come The Girls un vecchio funky del 1970, inciso in origine da Ernie K. Doe, qui cantato da Neville e Trombone Shorty, in una orgia danzereccia di fiati sincopati ma anche solisti, voci femminili di supporto e ritmi scatenati (*NDB quelle dei video qui sopra non sono ovviamente le versioni dal disco di Stanton Moore, ma in rete non c’è; per cui “accontentatevi”). Life è un altro dei brani più noti di “Tousan” (come era affettuosamente chiamato il nostro), cantata di nuovo da Cyril, e con il ritmo mutato in un intricato 7/8, con il sassofonista Skerik e Payton a dividersi il proscenio nella jazzata parte centrale, poi è il turno delle coriste, mentre Stanton Moore imperversa con la sua maestria percussiva; in Java uno dei primi cavalli di battaglia di Toussaint, uno strumentale del 1958 si gusta la classe del trio Harrison, Payton e Trombone Shorty, in un brano che mischia gli stili e si trovava in un disco intitolato The Wild Sounds Of New Orleans, inutile dire che i solisti e tutta la band sono meravigliosi. All These Things è cantata da Kiki Chapman, una ballata notturna di struggente bellezza, cantata con grande pathos e voce spiegata da questa cantante che mi era ignota prima d’ora, ma è veramente bravissima, nell’originale cantava Art Neville, ma che voce anche lei ragazzi e Torkanowsky illumina la canzone con il suo pianoforte, che anche nei brani precedenti è comunque spesso al proscenio; per Night People arriva uno dei “concorrenti” principali nel funky americano, quel Maceo Parker che per anni ha suonato con James Brown, ma di certo non si tira indietro anche se c’è da soffiare nel suo sax sui ritmi tipici del funk made in New Orleans, con Neville di nuovo voce solista e  il gruppo di musicisti ancora a tutto groove.

E anche The Beat, fin dal titolo, è tutto un programma, ancora Cyril alla voce solista, che doveva cantare un solo brano, ma poi è rimasto coinvolto, alla grande, in quattro brani, nello specifico si tratta di un poemetto inedito di Allen Toussaint, su cui Neville declama i versi, mentre il liquido piano elettrico di Tork si muove sullo sfondo; Riverboat vira di nuovo verso notturni lidi jazzistici, uno strumentale raffinato che gira attorno agli assolo di Nicholas Payton e Donald Harrison jr., mentre Moore, Singleton e Moore lavorano di fino ai rispettivi strumenti. Everything I Do Gonh Be Funky (From Now On), di nuovo un titolo, un programma, era cantata in origine da uno dei preferiti di Toussaint, quel Lee Dorsey che non sempre viene ricordato tra i grandi del soul e del R&B (ma lo è), per l’occasione i musicisti, che si sono molto divertiti a registrare il disco, hanno cambiato il tempo del pezzo in un più complesso 5/4, assolo ancora di Maceo Parker; With You In My Mind è un’altra splendida ballata dove si apprezzano ancora il tocco vellutato del piano di David Torkanowsky e del basso di Singleton. A chiudere Southern Nights, un brano che fu un insospettato n°1 nelle classifiche per Glen Campbell, qui con Payton alla tromba e Tork all’organo e l’attore Wendell Pierce a recitarne i versi, strana ma “magica”, come tutto il disco. Esce oggi.

Bruno Conti

Tra Jazz E Musica D’Autore: Due Fulgidi Esempi! Madeleine Peyroux – Secular Hymns/John Scofield – Country For Old Men

madeleine peyroux secular hymns

Madeleine Peyroux – Secular Hymns – Impulse/Verve CD

John Scofield – Country For Old Men – Impulse/Verve CD

Oggi si parla di jazz, genere musicale che conta una lunga schiera di appassionati, ma anche parecchi che non lo possono soffrire, e quindi ho scelto due dischi non proprio di jazz purissimo, ma con caratteristiche tali da renderli fruibili per tutti.

Madeleine Peyroux, raffinata cantante americana di origini francesi, ha esordito esattamente vent’anni fa con il notevole Dreamland, anche se ha poi fatto passare ben otto anni per dargli un seguito, Careless Love, che è comunque diventato un grande successo (sei milioni di copie vendute), anche inatteso dato la natura poco commerciale della musica in esso contenuta. Da quel momento per Madeleine si sono cominciati a fare paragoni illustri, scomodando addirittura sua maestà Billie Holiday, e comunque lei non si è montata la testa ma ha continuato a fare la sua musica, senza inflazionare il mercato, centellinando la sua produzione, con esiti più che egregi e dischi molto belli che rispondono ai titoli di Half The Perfect World (splendido), Bare Bones, Standing On The Rooftop e The Blue Room. Il punto di forza della Peyroux è naturalmente la voce, che intelligentemente è sempre stata accompagnata da strumentazioni parche e suonate in punta di dita, facendo così risaltare il suo affascinante timbro e la sua forte capacità interpretativa: Madeleine scrive anche diverse canzoni, ma secondo me il meglio lo dà quando rilegge i classici (del genere jazz ma anche pop e rock), riuscendo a personalizzarli con la sua classe sopraffina. Secular Hymns, che inaugura il nuovo contratto con la Verve e giunge tra anni dopo The Blue Room, vede la cantante esibirsi solamente in qualità di interprete, e con una serie di arrangiamenti ridotti all’osso come mai aveva fatto prima d’ora, in modo da far brillare ancora di più la sua voce e la bellezza della canzoni. Infatti, accanto alla Peyroux stessa (che si accompagna alla chitarra acustica ed al guilele, penso una sorta di ibrido tra chitarra ed ukulele), in questo Secular Hymns suonano solo altri due musicisti, il chitarrista elettrico John Herington ed il bassista acustico Barak Mori (entrambi anche ai cori, e ho fatto anche la rima…), che ricamano con grande finezza attorno alla leader, con estrema creatività, riempiendo gli spazi nel migliore dei modi, specie Herington (già con gli Steely Dan e con il Donald Fagen solista), che si rivela in possesso di un fraseggio eccellente.

Madeleine in questo disco recupera canzoni recenti e passate, conosciute ed oscure, dandoci un lavoro di grande piacevolezza, senza annoiare mai , un album fatto per il puro piacere di suonare:  a partire dall’iniziale Got You On My Mind, un oscuro brano degli anni cinquanta, che comincia con solo basso e voce, poi entrano le chitarre (splendida per pulizia quella di Herington) e la nostra che ci dà subito un saggio della sua classe, con i tre che coniugano grande perizia tecnica ed immediatezza. Tango Till They’re Sore (di Tom Waits) è quasi cabarettistica, con un uso geniale degli strumenti e la Peyroux che giganteggia con la sua ugola strepitosa, mentre Highway Kind è un pezzo di Townes Van Zandt, e qui siamo abbastanza lontani dallo stile del grande texano, con la fusione di folk, jazz e canzone d’autore ed un’interpretazione da brividi per intensità; la mossa Everything I Do Gonna Be Funky, di Allen Toussaint, dona brio al disco, riuscendo a mantenere l’atmosfera di New Orleans anche in questa veste spoglia, mentre If The Sea Was Whiskey è uno scintillante blues di Willie Dixon, con John strepitoso alla slide (sembra Ry Cooder), e Madeleine che fa la sua bella figura anche come blues woman. Hard Times è la canzone più nota del lavoro, un’antica composizione di Stephen Foster ed uno dei classici assoluti del songbook americano, ma la nostra brava vocalist le dona nuova linfa, con un accompagnamento ancor di più ridotto ai minimi termini: classe pura; Hello Babe (altro brano abbastanza oscuro) è puro jazz, il pezzo fin qui più simili alle capostipiti del genere (non solo Holiday, ma anche Sarah Vaughn e Bessie Smith), con Madeleine che modula la voce a suo piacimento, altro pezzo sofisticato e sublime, mentre More Time  ha un’atmosfera quasi anni anni sessanta. L’album, 33 minuti di puro piacere, si chiude con la deliziosa Shout Sister Shout (di Sister Rosetta Tharpe), tra jazz e gospel, e con Trampin’, un traditional folk-blues che Madeleine ci presenta in perfetta solitudine, voce e chitarra, ennesima perla di un disco quasi perfetto.

john scofield country for old men

John Scofield, chitarrista dell’Ohio, è invece sulla braccia da quasi quarant’anni, ed è in possesso di un pedigree di tutto rispetto, avendo collaborato con gente del calibro di Miles Davis, Charles Mingus, Herbie Hancock e Pat Metheny, tra i tanti, e nel corso della sua carriera ha suonato di tutto, dal jazz puro, al free, al jazz-rock alla fusion, al blues, ma un disco country non lo aveva mai inciso. Intendiamoci, Country For Old Men è tale soprattutto nel titolo e nella scelta delle canzoni, veri e propri classici del genere (con qualche sorpresa), dato che John interpreta i vari brani nel suo ormai assodato stile, ed in compagnia di un ristretto manipolo di colleghi (Larry Goldings al piano ed organo, Steve Swallow al basso e Bill Stewart alla batteria): a differenza quindi del disco della Peyroux, questo Country For Old Men è più strumentato, maggiormente elettrico e più incline a lasciar spazio alle improvvisazioni, allungando spesso anche di molto le durate originali (cosa logica dal momento che non ci sono parti vocali, la vera voce è la chitarra di John, che ricama da par suo), ma ha in comune la classe e la capacità di intrattenere senza annoiare, anzi riuscendo a rendere piacevole un genere musicale che può spesso risultare ostico. A partire da Mr. Fool, un brano di George Jones, con John che mantiene intatta la melodia, ben doppiato da Goldings (vero alter ego del nostro in questo disco), e rendendola soffusa ma nello stesso tempo distesa e rilassata. I’m So Lonesome I Could Cry, grande classico di Hank Williams, è molto più jazzata e “free”, con il motivo originale che ogni tanto spunta, ma con John ed i suoi che fanno di tutto per creare diversi paesaggi sonori e portare il pezzo sulle loro abituali latitudini, mentre con Bartender’s Blues di James Taylor (che certo non era un brano country), John invade anche territori soul, grazie all’organo di Larry.

La classica Wildwood Flower è subito riconoscibile e godibile, anche se l’accompagnamento è decisamente jazz, ma i nostri non perdono mai di vista la melodia, mentre il traditional Wayfaring Stranger diventa un raffinatissimo brano tra afterhours e blues, suonato in punta di dita ed ancora con Goldings strepitoso. Il disco continua così, godibile e rilassante canzone dopo canzone, con alcuni pezzi vicini al mood originale (Jolene di Dolly Parton, anche se poi i quattro partono per la tangente per una bellissima jam di sette minuti e mezzo), altri dove si lascia più spazio all’improvvisazione (Mama Tried di Merle Haggard). Just A Girl I Used To Know, di Jack Clement, è suonata in maniera rigorosa ma splendida, mentre la nota Red River Valley ha un ritmo altissimo e quasi rock, per poi riabbassare i toni con la soffusa ballad You’re Still The One di Shania Twain, che dimostra  che il nostro non ha pregiudizi di sorta verso brani più commerciali.

Due CD davvero ottimi, anche se non amate alla follia il jazz: perfetti per allietare le vostre prossime serate autunnali.

Marco Verdi

Devo Averle Già Sentite Da Qualche Parte Queste Canzoni! Dear Jerry: Celebrating The Music Of Jerry Garcia

dear jerry celebrating the music of jerry garcia 2 cd

VV.AA. – Dear Jerry: Celebrating The Music Of Jerry Garcia – Rounder 2CD – 2CD/DVD

Da dopo la morte di Jerry Garcia avvenuta nel 1995, il mercato è stato letteralmente invaso di prodotti che avevano in qualche modo a che fare con i Grateful Dead, ma nessun periodo è minimamente comparabile all’ultimo anno. Da Ottobre 2015 sono infatti usciti, nell’ordine: il megabox di 80 CD 30 Trips Around The Sun (e la sua versione ridotta in quattro CD), i vari formati dei concerti di addio Fare Thee Well, il sontuoso tributo quintuplo Day Of The Dead curato dai National, il triplo della Rhino Red Rocks 1978 (ed il superbox con tutti i concerti del periodo), due volumi ravvicinatissimi della serie Garcia Live ed il nuovo album solista di Bob Weir, Blue Mountain http://discoclub.myblog.it/2016/10/07/finalmente-arrivato-anche-il-momento-che-disco-bob-weir-blue-mountain/ . E non ho citato i nuovi episodi dei Dave’s Picks. Ma i nostri, che la paura di inflazionare il mercato direi che non l’hanno mai avuta, si saranno detti: “Ci siamo dimenticati un bel concerto tributo!”. Detto fatto, ecco qui questo doppio CD (esiste anche con DVD allegato) intitolato Dear Jerry, che documenta l’esito di una serata organizzata da Bob Weir il 14 Maggio dello scorso anno (al Merriweather Post Pavilion di Columbia, Maryland), durante la quale i quattro Dead superstiti (oltre a Weir, Phil Lesh, Bill Kreutzmann e Mickey Hart) si sono alternati sul palco con una bella serie di ospiti. Come però suggerisce il titolo, non è un tributo ai Dead, ma in particolare alle canzoni di Garcia, incluse alcune da lui incise come solista e qualche cover di brani che Jerry usava suonare dal vivo nelle varie configurazioni della Jerry Garcia Band (che è sorprendentemente assente, dato che ancora esiste e si esibisce come JGB, avrebbe potuto partecipare suonando per esempio un brano di Bob Dylan, autore più volte ripreso da Jerry e dai Dead). Certo, un altro lavoro dove si prendono in esame canzoni che nell’ultimo anno sono state strasentite potrebbe far alzare più di un sopracciglio, ma sarebbe un errore ignorarlo, in quanto siamo di fronte ad una performance splendida, con una serie di gruppi e solisti in grande forma, una house band stellare (che comprende gente del calibro di Don Was, che è anche direttore musicale e produttore, Sam Bush, Matt Rollings, Buddy Miller, Audley Freed, ex chitarrista dei Black Crowes, e le McCrary Sisters ai cori), una resa sonora strepitosa e, ma era scontato, una serie di grandi canzoni.  In poche parole, uno dei migliori prodotti Dead-related usciti nell’ultimo periodo, superiore per esempio, e di gran lunga, ai concerti di addio Fare Thee Well, sia come suono che come qualità della performance.

Che non si scherza lo fa subito capire Phil Lesh, che si esibisce con la sua nuova band, i Communion nel medley The Wheel/Uncle John’s Band, suono Dead al 100%, piano liquidissimo (Marco Benevento) e subito due grandi canzoni (anzi, la seconda è forse la mia preferita in assoluto del Morto Riconoscente), per quasi 17 minuti di musica sublime: tra le qualità di Lesh non c’è mai stata la voce, ma questa sera Phil canta stranamente bene, anche se è aiutato, e molto, dalle voci di sostegno del resto del gruppo. Allen Toussaint, qui in una delle sue ultime apparizioni, ci propone l’errebi di sua composizione Get Out Of My Life Woman, un pezzo che Jerry amava molto, con un bel botta e risposta vocale tra Allen e le sorelle McCrary: anche Toussaint non era mai stato un grande vocalist, ma quando appoggiava le dita sulla tastiera riusciva a zittire tutti. David Grisman è un vecchio compagno di viaggio di Jerry, ha inciso con lui diversi bellissimi dischi acustici (oltre a militarci insieme nel supergruppo Old And In The Way), e nell’occasione ci delizia con una splendida versione del traditional Shady Grove, tra folk, bluegrass ed old time music, con ottimi interventi di fisarmonica e violino, altri quattro minuti e mezzo di puro godimento A prima vista Peter Frampton in una serata come questa potrebbe starci come i cavoli a merenda, ma il nostro, alle prese con il classico di Junior Walker (I’m A) Roadrunner, se la cava alla grande: la voce e la chitarra ci sono, e la versione, decisamente potente e roccata, è godibilissima. Buddy Miller non lo scopriamo certo oggi e, alle prese con Deal, una grande canzone, fa faville, dandoci una delle prestazioni più convincenti della serata (bellissimo l’assolo di slide, ma pure Rollings fa i numeri al piano); Jorma Kaukonen va a nozze con brani come Sugaree, e nel concerto ci dà pure un saggio della sua classe con la chitarra, mentre il bravissimo Jimmy Cliff, e ve lo dice uno che non ama il reggae, ci diverte con la sua The Harder They Come insieme a Kreutzmann e Hart, un brano tra i più suonati dalla JGB e, raggiunto anche da Weir, bissa con una discreta Fire On The Mountain. Il primo CD si chiude con il nuovo gruppo di Kreutzmann, Billy And The Kids, che rileggono lo splendido medley che apriva Blues For Allah (Help On The Way/Slipknot!/Franklin’s Tower) in maniera rigorosa, ma con un’energia straordinaria e poi, con i Disco Biscuits, un altro medley stellare con Scarlet Begonias/I Know You Rider, davvero da applausi e con un formidabile assolo chitarristico di Tom Hamilton.

Il secondo dischetto inizia con la rock ballad Loser proposta dai Moe, molto bravi e rispettosi al limite del didascalico, ma il brano è talmente bello che ne esce benissimo ugualmente; eccellenti gli Oar con St. Stephen, alla quale tolgono gli elementi psichedelici e la trasformano in una pura e sontuosa rock song, potente e grintosa; i Los Lobos avevano già suonato Bertha sul tributo Deadicated del 1991 e, insieme a Weir, la replicano in maniera mirabile, grande canzone e grandissima band, mentre i Trampled By Turtles si esibiscono nell’abituale veste acustica con una fulgida Brown-Eyed Women, tra le mie preferite in assoluto dei Dead.

Shakedown Street non mi è mai piaciuta molto, e gli Yonder Mountain String Band, pur mettendocela tutta in una versione stripped-down, non riescono a farmi cambiare idea. Ma subito dopo torna Bob Weir che, in compagnia della bella Grace Potter, rilegge in maniera vibrante Friend Of The Devil, ottima versione, toccante a dir poco, pianistica e molto soulful. Eric Church a mio parere è un sopravvalutato, ma la sua Tennessee Jed, tra country, rock e southern, è ben fatta, anche se meglio, molto meglio fanno i Widespread Panic con una Morning Dew davvero intensa e fluida, impreziosita da un assolo di chitarra incredibile da parte di Jimmy Herring. Gran finale con tre dei quattro Dead (manca Lesh), per una stupenda e corale Touch Of Grey, perfetta in questa posizione visto il testo ottimistico, e tutti insieme per una commovente Ripple, splendida sotto ogni punto di vista, il modo migliore per chiudere una serata da ricordare.

In un anno in cui non sono certo mancati i dischi dal vivo di grande valore, questo Dear Jerry è sicuramente uno dei più belli.

Marco Verdi

Un Altro Tributo Formidabile: The Musical Mojo Of Dr. John Celebrating Mac And His Music

musical mojo of dr.john

Dr. John – The Musical Mojo of Dr. John: A Celebration of Mac & His Music – Concord/Universal – 2 CD – 2CD/DVD/Blu-Ray 14-10- 2016

Come per il tributo a Jerry Garcia anche l’uscita di questo splendida celebrazione della musica di Dr. John è prevista per il 14 ottobre, attraverso la Concord/Universal e in vari formati, sicuramente doppio CD con DVD e Blu-Ray per il mercato americano, dove questi combo che prevedono la presenza contemporanea di DVD e Blu-Ray nella stessa confezione è una esigenza dettata dal mercato, soprattutto per i film, in quanto nelle abitazioni americane è facile trovare, in diverse stanze, la presenza di entrambi i lettori e quindi spesso le case di produzione pubblicano questi prodotti multipli a prezzi molto convenienti (ma in altri no, vedasi il caso del box dei Pink Floyd The Early Years che anche grazie alla presenza di entrambi i formati non ha un prezzo molto abbordabile e pure questo Musical Mojo Of Dr. John, nella versione quadrupla statunitense, da quello che ho letto, non ha un prezzo particolarmente economico). In Europa si parla anche di una versione con i 2 CD e il DVD, ma non sono sicuro al 100%.

Comunque, al di là dei lati tecnici, il contenuto, da quello che ho potuto sentire, e ho ascoltato estratti di tutte le 22 canzoni contenute nel doppio CD, è veramente fantastico: a partire dalla house band utilizzata nel concerto, che oltre a Dr. John stesso, una sezione fiati tra cui spicca la trombonista Sarah Morrow, vecchia compagna di avventura di Mac Rebennack, vede la presenza di altri grandi musicisti: Chuck Leavell e John Gros alle tastiere, Brian Stoltz dal giro Meters e Neville Brothers alla chitarra, e Kenny Aronofoff alla batteria. Ma è lista degli ospiti che sorprende: oltre alla crema dei musicisti di New Orleans e della Louisiana, Cyril, Aaron Charles Neville, George Porter Jr. e Zigaboo Modeliste, Irma Thomas, lo svedese “naturalizzato” Anders Osborne, il grandissimo Allen Toussaint (che era ancora vivo, visto che il concerto si è tenuto nel 2014), Tab Benoit, Dave Malone dei Radiators, Big Chief Monk Boudreaux, Terence Blanchard e moltissimi altri, anche non di New Orleans, tra cui due nomi fantastici come Bruce Springsteen John Fogerty. Comunque qui sotto potete leggere la lista completa dei partecipanti con i relativi brani in cui sono apparsi, nei vari formati.

Tracklist
[CD1]
1. Right Place Wrong Time – Dr. John and Bruce Springsteen
2. Blow Wind Blow – Jason Isbell
3. My Indian Red – Cyril Neville
4. Somebody Changed the Lock – Anders Osborne and Bill Kreutzmann
5. Please Send Me Someone to Love – Dr. John, Aaron Neville and Charles Neville
6. Junko Partner – George Porter Jr. and Zigaboo Modeliste
7. Since I Fell for You – Irma Thomas
8. Stack-A-Lee – Tab Benoit
9. Life – Allen Toussaint
10. Street People – Shannon McNally
11. Goodnight Irene – Dave Malone
12. Big Chief – Big Chief Monk Boudreaux

[CD2]
1. Familiar Reality – Widespread Panic
2. You Lie – Warren Haynes
3. Traveling Mood – Chuck Leavell
4. Back by the River – Ryan Bingham
5. Let’s Make a Better – World John Boutté
6. Lay My Burden Down – Mavis Staples
7. New Orleans – John Fogerty
8. Come Rain or Come Shine – Dr. John and Terence Blanchard
9. I Walk on Guilded Splinters – Dr. John and Sarah Morrow
10. Such a Night – Dr. John and Sarah Morrow

[DVD and Blu-ray]
1. Dr. John Interview (Opening Sequence)
2. Right Place Wrong Time – Dr. John and Bruce Springsteen
3. Blow Wind Blow – Jason Isbell
4. My Indian Red – Cyril Neville
5. Somebody Changed the Lock – Anders Osborne and Bill Kreutzmann
6. Please Send Me Someone to Love – Dr. John, Aaron Neville and Charles Neville
7. Junko Partner – George Porter Jr. and Zigaboo Modeliste
8. Since I Fell for You – Irma Thomas
9. Stack-A-Lee – Tab Benoit
10. Street People – Shannon McNally
11. Goodnight Irene – Dave Malone
12. Big Chief – Big Chief Monk Boudreaux
13. Dr. John Interview
14. Familiar Reality – Widespread Panic
15. You Lie – Warren Haynes
16. Back by the River – Ryan Bingham
17. Let’s Make a Better – World John Boutté
18. Lay My Burden Down – Mavis Staples
19. New Orleans – John Fogerty
20. Come Rain or Come Shine – Dr. John and Terence Blanchard
21. I Walk on Guilded Splinters – Dr. John and Sarah Morrow
22. Such a Night – Dr. John and Sarah Morrow
23. Traveling Mood – Chuck Leavell
24. Life – Allen Toussaint

Non vedo l’ora: non c’è ancora nessun video ufficiale in rete, appena appaiono aggiorno il Post, comunque quello di Fogerty rende assolutamente l’idea della serata!

Bruno Conti

Un Bel Tributo A Jerry Garcia Ci Mancava! Esce il 14 Ottobre – Dear Jerry: Celebrating The Music Of Jerry Garcia

dear jerry celebrating the music of jerry garcia 2 cd

Dear Jerry: Celebrating The Music Of Jerry Garcia 2 CD – 2 CD+DVD – 2 CD+Blu-Ray – DVD – Blu-Ray – Rounder/Universal 14/10/2016

In effetti un bel tributo a Jerry Garcia mancava. Sono usciti nel corso degli anni moltissimi tributi ai Grateful Dead, l’ultimo dei quali lo splendido quintuplo Day Of The Dead, http://discoclub.myblog.it/2016/05/24/le-celebrazioni-poteva-mancare-bel-tributo-ai-grateful-dead-various-artists-day-of-the-dead-giorno-1/, la reunion per il 50° Anniversario con relativo album, senza contare che comunque escono sempre almeno due o tre CD all’anno della serie GarciaLive, ma un tributo vero e proprio al chitarrista e mente del gruppo californiano non mi pare fosse mai uscito. Ora, il 14 ottobre p.v., a colmare la lacuna arriverà questo Dear Jerry, disponibile in vari formati, che riporta la serata tenuta il 14 maggio del 2015 al Merriweather Post Pavilion di Columbia, Maryland, due ore e mezza di musica, con una bella lista di ospiti. Ecco i nomi dei partecipanti e i titoli dei brani, oltre ad una piccola anticipazione.

1. The Wheel / Uncle John’s Band – Phil Lesh & Communion
2. Get Out Of My Life Woman – Allen Toussaint
3. Shady Grove – David Grisman
4. (I’m A) Road Runner – Peter Frampton
5. Deal – Buddy Miller
6. Sugaree – Jorma Kaukonen
7. The Harder They Come – Jimmy Cliff, Mickey Hart, Bill Kreutzmann
8. Fire On The Mountain – Jimmy Cliff, Bob Weir, Mickey Hart, Bill Kreutzmann
9. Help On The Way / Slipknot / Franklin’s Tower – Bill Kreutzmann’s Billy & The Kids
10. Scarlet Begonias / I Know You Rider – The Disco Biscuits, Bill Kreutzmann’s Billy & The Kids
11. Loser – moe.
12. St. Stephen – O.A.R.
13. Bertha – Los Lobos & Bob Weir
14. Brown-Eyed Women – Trampled By Turtles
15. Shakedown Street – Yonder Mountain String Band
16. Friend Of The Devil – Bob Weir & Grace Potter
17. Tennessee Jed – Eric Church
18. Morning Dew – Widespread Panic
19. Touch Of Grey – Bob Weir, Mickey Hart, Bill Kreutzmann
20. Ripple – Full Ensemble

E anche la house band che accompagnava i vari ospiti, per usare un eufemismo, non era male: tra gli altri Buddy Miller, Audley Freed, Sam Bush, Raymond Weber, Matthew Rollings, Russell Pahl, Regina, Freda & Ann McCrary, ovvero le McCrary Sisters. Naturalmente in rete, parlando di Dead e dintorni, c’è anche il concerto completo, 3 ore e 45 minuti in tutto, solo in audio, qualità sonora buona ma non eccelsa, però con molti brani che non sono stati inseriti nella versione ufficiale.

Lo stesso giorno è prevista anche l’uscita di un tributo simile, questa volta dedicato a Dr.John (con la presenza di Springsteen!), appena ho la lista completa vi aggiorno.

Bruno Conti

Novità Di Giugno, Seconda Decade. Allen Toussaint, Radiohead, Case/Lang/Veirs, Kris Kristofferson, Jake Bugg, Mumford And Sons, Bruce Hornsby & The Noisemakers, Sarah Jarosz, Red Hot Chili Peppers, Margaret Glaspy, Augustines

allen toussaint american tunes

Ecco la lista dei titoli più importanti ed interessanti in uscita nella seconda decade di giugno, quasi tutti il giorno 17, con un paio di recuperi di uscite del 10 giugno che erano sfuggite e vi segnalo che il nuovo Neil Young Earth, doppio dal vivo con i Promise Of The Real, che ha una data di uscita ballerina: prima doveva uscire al 17 giugno, poi posticipato al 24, adesso pare confermato che anche l’uscita europea sarà lo stesso giorno e quindi ne parliamo poi nella prossima lista.

Iniziamo con quello che sarà probabilmente l’ultimo album di Allen Toussaint (che come sapete è scomparso il 10 novembre del 2015, mentre era in tour in Europa): questo nuovo American Tunes, uscito per la Nonesuch negli States e nel Regno Unito lo scorso 10 e in pubblicazione in Italia il 17 giugno, è stato registrato in due diverse sessions, una di solo piano nello studio privato di Toussaint in quel di new Orleans nel 2013, l’altra a ottobre 2015 a Los Angeles nello studio di Joe Henry, che produce il disco, con la sezione ritmica di Jay Bellerose David Piltch e la partecipazione di vari ospiti: Bill Frisell, Charles Lloyd, Greg Leisz, Rhiannon Giddens e Van Dyke Parks. I pezzi in solitaria vengono dal repertorio di Professor Longhair, quelli con il gruppo da autori diversi, Duke Ellington, Fats Waller, Paul Simon, lo stesso Toussaint e altri.

Ecco i brani:

1. Delores’ Boyfriend
2. Viper’s Drag
3. Confessin’ (That I Love You)
4. Mardi Gras In New Orleans
5. Lotus Blossom
6. Waltz For Debby
7. Big Chief
8. Rocks In My Bed
9. Danza, Op. 33
10. Hey Little Girl
11. Rosetta
12. Come Sunday
13. Southern Nights
14. American Tune

Inutile dire che si tratta di uno splendido disco e di un commiato adeguato di uno dei grandi, non solo della musica di New Orleans ma della musica americana in generale https://www.youtube.com/watch?v=u6Mv0X-1qLA .

radiohead a moon shaped pool

La versione per il download è già disponibile da alcune settimane (8 maggio), ma il disco fisico del nuovo Radiohead A Moon Shaped Pool, sarà distribuito dalla XL Recordings in CD o doppio vinile il prossimo 17 giugno. Si tratta del disco che, per certi versi, segnala il ritorno del gruppo di Thom Yorke ad una forma canzone più fruibile e meno sperimentale pur mantenendo un certo spirito innovativo tipico della band inglese.

Ecco i titoli degli 11 pezzi contenuti nell’album:

1. Burn The Witch
2. Daydreaming
3. Decks Dark
4. Desert Island Disk
5. Ful Stop
6. Glass Eyes
7. Identikit
8. The Numbers
9. Present Tense
10. Tinker Tailor Soldier Sailor Rich Man Poor Man Beggar Man Thief
11. True Love Waits

case lang veirs

Annunciato da parecchi mesi, il prossimo venerdì esce il disco di Case/Lang/Veirs, in rigoroso ordine alfabetico le tre cantautrici Neko Case, Kd Lang Laura Veirs, con la produzione del marito di quest’ultima, Tucker Martine, pubblicano per la Anti il loro primo album collaborativo, e non si tratta di un disco dove ognuna si ritaglia il proprio spazio nelle varie canzoni, ma, mantenendo ciascuna le proprie caratteristiche e peculiarità, l’album è proprio un disco d’assieme. Quindi armonie a go-go, tre voci che spesso si intersecano, brani più raffinati ed altri di impostazione più pop, ma nell’insieme, da quanto ascoltato finora e dalle primi critiche molto positive, parrebbe un esperimento riuscito.

Questi sono i titoli delle canzoni:

 1. Atomic Number https://www.youtube.com/watch?v=1rq-AHTFxOU
2. Honey and Smoke
3. Song for Judee
4. Blue Fires
5. Delirium
6. Greens of June
7. Behind the Armory
8. Best Kept Secret
9. 1000 Miles Away
10. Supermoon
11. I Want To Be Here
12. Down
13. Why Do We Fight
14. Georgia Stars

jake bugg on my one

Non sono stato mai un grande fan del giovane cantautore inglese Jake Bugg (a 23 anni già al terzo album), presentato di volta in volta come l’erede di Bob Dylan o degli Stones e degli Who, ma quantomeno i primi due dischi, dei quali l’ultimo prodotto da Rick Rubin avevano motivi di interesse a livello musicale. Ora con questo On My One, in uscita per la Virgin/Universal sempre il 17 giugno, il nostro amico decide di prodursi da solo, a parte tre brani prodotti da Jacknife Lee. E i risultati non mi sembrano particolarmente eccitanti, tra derive danzerecce, fiati e archi sintetici, inserti rap, si trovano anche brani dove vive ancora lo spirito dylaniano o tracce country-rock, ma per un disco presentato come un album di blues a mio parere non ci siamo. Dei due singoli, di cui potete vedere ed ascoltare i video, il primo mi sembra una tavanata galattica e Love, Hope And Misery, che vedete qui sotto, per quanto migliore non mi sembra questo capolavoro.

La title-track, anche in versione acustica, mi pare decisamente migliore https://www.youtube.com/watch?v=WZ0U8WNkA2k, speriamo decida di percorrere questa strada in futuro. 

mumford and sons johannesburg

Altro gruppo britannico che dopo la svolta “rockista” e commerciale dell’ultimo Wilder pensavo si fossero persi per strada sono i Mumford And Sons. Dopo le chitarre elettriche e le tastiere a manetta dell’ultimo album ora, in modo ondivago, tentano un’altra strada in questo Johannesburg EP, che è una collaborazione con il musicista africano Baba Maal e con la band sudafricane The Very Best Beatenberg. 

Solo cinque pezzi:

 1. There Will Be Time feat. Baaba Maal
2. Wona feat. Baaba Maal, Beatenberg and The Very Best
3. Fool You’ve Landed feat. Beatenberg and The Very Best
4. Ngamila feat. Baaba Maal and The Very Best
5. Si Tu Veux feat. Baaba Maal and The Very Best

che mi sembrano migliori di quelli contenuti nell’ultimo album, anche se la presenza, come co-produttore, di quello che viene presentato come “The Very Best’s Swedish electronic music maestro”, Johan Hugo, non depone del tutto a loro favore. Comunque è in uscita sempre il 17 su etichetta Island/Universal, e se non altro costa poco. Sentiremo.

kris kristofferson complete columbia & monument collection kris kristofferson the carr creek sessions

Due nuove uscite, quasi in contemporanea, per Kris Kristofferson. La prima, uscita lo scorso 10 giugno per la Sony Legacy The Complete Monument And Columbia Album Collection. è relativa ad un fantastico cofanetto di 16 CD, qui sotto effigiato

kris kristofferson complete columbia & monument collection box

E con questo contenuto, ricco anche di materiale inedito:

[CD1: Kristofferson]
1. Blame It On the Stones
2. To Beat the Devil
3. Me and Bobby McGee
4. Best of All Possible Worlds
5. Help Me Make It Through the Night
6. The Law Is for Protection of the People
7. Casey’s Last Ride
8. Just the Other Side of Nowhere
9. Darby’s Castle
10. For the Good Times
11. Duvalier’s Dream
12. Sunday Mornin’ Comin’ Down

[CD2: The Silver Tongued Devil and I]
1. The Silver Tongued Devil and I
2. Jody and the Kid
3. Billy Dee
4. Good Christian Soldier
5. Breakdown (A Long Way from Home)
6. Loving Her Was Easier (Than Anything I’ll Ever Do Again)
7. The Taker
8. When I Loved Her
9. The Pilgrim, Chapter 33
10. Epitaph (Black and Blue)

[CD3: Border Lord]
1. Josie
2. Burden of Freedom
3. Stagger Mountain Tragedy
4. Border Lord
5. Somebody Nobody Knows
6. Little Girl Lost
7. Smokey Put the Sweat On Me
8. When She’s Wrong
9. Gettin’ By, High and Strange
10. Kiss the World Goodbye

[CD4: Jesus Was a Capricorn]
1. Jesus Was a Capricorn (Owed to John Prine)
2. Nobody Wins
3. It Sure Was (Love) – Kris Kristofferson with Rita Coolidge
4. Enough for You
5. Help Me – Kris Kristofferson with Larry Gatlin
6. Jesse Younger
7. Give It Time to Be Tender – Kris Kristofferson with Rita Coolidge
8. Out of Mind, Out of Sight
9. Sugar Man
10. Why Me

[CD5: Spooky Lady’s Sideshow]
1. Same Old Song
2. Broken Freedom Song
3. Shandy (The Perfect Disguise)
4. Star-Spangled Bummer (Whores Die Hard)
5. The Lights of Magdala
6. I May Smoke Too Much
7. One for the Money
8. Late Again (Gettin’ Over You)
9. Stairway to the Bottom
10. Rescue Mission
11. Smile at Me Again
12. Rock and Roll Time

[CD6: Breakaway]
1. Lover Please – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
2. We Must Have Been Out of Our Minds – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
3. Dakota (The Dancing Bear) – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
4. What’cha Gonna Do – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
5. The Things I Might Have Been – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
6. Slow Down – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
7. Rain – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
8. Sweet Susannah – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
9. I’ve Got to Have You – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
10. I’d Rather Be Sorry – Kris Kristofferson & Rita Coolidge
11. Crippled Crow – Kris Kristofferson & Rita Coolidge

[CD7: Who’s to Bless and Who’s to Blame]
1. The Year 2000 Minus 25
2. If It’s All the Same to You
3. Easy, Come On
4. Stallion
5. Rocket to Stardom
6. Stranger
7. Who’s to Bless and Who’s to Blame
8. Don’t Cuss the Fiddle
9. Silver (The Hunger)

[CD8: Surreal Thing]
1. You Show Me Yours (And I’ll Show You Mine)
2. Killing Time
3. The Prisoner
4. Eddie the Eunuch
5. It’s Never Gonna Be the Same Again
6. I Got a Life of My Own
7. The Stranger I Love
8. The Golden Idol
9. Bad Love Story
10. If You Don’t Like Hank Williams

[CD9: Easter Island]
1. Risky Bizness
2. How Do You Feel (About Foolin’ Around)
3. Forever In Your Love
4. The Sabre and the Rose
5. Spooky Lady’s Revenge
6. Easter Island
7. The Bigger the Fool (The Harder the Fall)
8. Lay Me Down (And Love the World Away)
9. The Fighter
10. Living Legend

[CD10: Shake Hands with the Devil]
1. Shake Hands With the Devil
2. Prove It to You One More Time Again
3. Whiskey, Whiskey
4. Lucky In Love
5. Seadream
6. Killer Barracuda
7. Come Sundown
8. Michoacan
9. Once More with Feeling
10. Fallen Angel

[CD11: To the Bone]
1. Magdalene
2. Star-Crossed
3. Blessing In Disguise
4. The Devil to Pay
5. Daddy’s Song
6. Snakebit
7. Nobody Loves Anybody Anymore
8. Maybe You Heard
9. The Last Time
10. I’ll Take Any Chance I Can with You

[CD12]
1. If You Don’t Like Hank Williams
2. The Law Is for Protection of the People
3. Band Introduction
4. The Pilgrim, Chapter 33
5. Duvalier’s Dream
6. Help Me Make It Through the Night
7. Shake Hands With the Devil
8. To Beat the Devil
9. Loving Her Was Easier (Than Anything I’ll Ever Do Again)
10. Sunday Mornin’ Comin’ Down
11. Me & Bobby McGee

[CD13]
1. Duvalier’s Dream
2. When I Loved Her
3. Jesus Was a Capricorn (Owed to John Prine)
4. Same Old Song
5. Band Introductions
6. Smile at Me Again
7. Loving Her Was Easier (Than Anything I’ll Ever Do Again)
8. Casey’s Last Ride
9. Billy Dee
10. The Law Is for the Protection of the People
11. Sunday Mornin’ Comin’ Down
12. Help Me Make It Through the Night

[CD14: Live at the Philharmonic]
1. Late John Garfield Blues
2. Jesus Was a Capricorn
3. Nobody Wins
4. Jesse Younger
5. Loving Her Was Easier (Than Anything I’ll Ever Do Again)
6. Late Again (Gettin’ Over You)
7. Out of Mind, Out of Sight
8. Sugar Man
9. Billy Dee
10. The Law Is for the Protection of the People
11. For the Good Times
12. Sunday Mornin’ Comin’ Down
13. Okie from Muskogee
14. Border Lord
15. Ain’t It Funny How Time Slips Away – Willie Nelson
16. Night Life – Willie Nelson
17. Me and Paul – Willie Nelson
18. Mountain Dew – Willie Nelson
19. The Pilgrim, Chapter 33
20. Rainbow Road
21. It Sure Was (Love) – Kris Kristofferson with Rita Coolidge
22. Help Me – Kris Kristofferson with Larry Gatlin
23. Me and Bobby McGee – Kris Kristofferson with Rita Coolidge
24. Whiskey, Whiskey – Kris Kristofferson with Rita Coolidge

[CD15]
1. Golden Idol
2. Killing Time
3. Hello In There – Kris Kristofferson With Joan Baez
4. The Junkie and the Juicehead, Minus Me
5. Shadows of Her Mind
6. The Lady’s Not for Sale
7. From the Bottle to the Bottom
8. The Bandits of Beverly Hills
9. Here Comes That Rainbow Again
10. The Bigger the Fool, The Harder the Fall – Kris Kristofferson & Brenda Lee
11. Help Me Make It Through the Night – Kris Kristofferson & Brenda Lee
12. Born to Love Me – Kris Kristofferson & Brenda Lee
13. Put It Off Until Tomorrow – Dolly Parton & Kris Kristofferson
14. Ping Pong – Dolly Parton & Kris Kristofferson
15. Casey’s Last Ride – Kris Kristofferson with Willie Nelson
16. To Make a Long Story Short, She’s Gone – Willie Nelson & Kris Kristofferson
17. How Do You Feel About Foolin’ Around – Kris Kristofferson with Willie Nelson
18. Eye of the Storm – Kris Kristofferson with Willie Nelson
19. Crossing the Border
20. Down to Her Socks
21. Under the Gun
22. The Final Attraction
23. I’ll Be Your Baby Tonight

[CD16]
1. Gypsy Rose and I Don’t Give a Curse
2. I Believe That I Believe
3. Born to Die Alone
4. The Hurricane and the Helicopter
5. Bread for the Body (And Food for the Soul)
6. I Can Be Had
7. The Table, The Glass, The Wine
8. A Stitch in the Hand
9. File It Under Sick and Wrong
10. Where She Stops Nobody Knows
11. Lonesome Way of Dying
12. Good for Nothing Blues
13. Fallen Woman
14. No One’s Gonna Miss Me
15. Hitting Close to Home

Il 17 giugno per l’etichetta personale di Kris Krisofferson, KK, è in uscita anche un nuovo The Cedar Creek Sessions, doppio CD registrato in presa diretta il  23, 24 e 25 giugno, 2014 ai Cedar Creek Recording Studios di Austin, Texas, con una ottima band composta da Shawn Camp chitarra, Kevin Smith basso,  Michael Ramos tastiere, Mike Meadows batteria, e con la partecipazione di Sheryl Crow che duetta con Kris in The Loving Gift, un vecchio brano famoso nella versione di Johnny Cash June Carter, ma mai incisa in precedenza dal suo autore. Il resto del contenuto riguarda alcune delle migliori composizioni di Kristofferson scelte personalmente dall’autore. Ecco la tracklist completa:

[CD1]
1. Duvalier’s Dream
2. The Loving Gift (with special guest Sheryl Crow)
3. The Sabre and the Rose
4. The Law is for the Protection of the People
5. It No Longer Matters What I Do
6. Stagger Mountain Tragedy
7. The Wife You Save
8. Lay Me Down and Love the World Away
9. The Bigger the Fool (The Harder the Fall)
10. Sunday Mornin’ Comin’ Down
11. Spooky Lady’s Revenge
12. Forever In Your Love
13. Winter

[CD2]
1. Darby’s Castle
2. Me and Bobby McGee
3. Broken Freedom Song
4. Casey’s Last Ride
5. Billy Dee
6. Easter Island
7. For the Good Times
8. Help Me Make It Through the Night
9. Jody and the Kid
10. Loving Her Was Easier (Than Anything I’ll Ever Do Again)
11. Risky Business
12. To Beat the Devil

bruce hornsby & the noisemakers rehab reunion

Dopo la collaborazione dello scorso anno nel tour Fare Thee Well dei Grateful Dead e al recente tributo Day Of The Dead, nuovo album anche per Bruce Hornsby, questa volta impegnato non al piano ma al dulcimer, e accompagnato dai Noisemakers, per questo Rehab Reunion: sono con lui J.T. Thomas (organo), J.V. Collier (basso), Sonny Emory (washboard, cajon, batteria), Gibb Droll (chitarre) e Ross Holmes (violino e mandolino), oltre agli ospiti Justin Vernon, alias Bob Iver Mavis Staples. Il disco dovrebbe uscire per la 429 Records negli States il 17 giugno, mentre in Italia, come Caroline/Universal sarà disponibile dal 15 luglio in Italia.

1. Over the Rise (with Justin Vernon)
2. Soon Enough
3. M.I.A. in M.I.A.M.I.
4. Tipping
5. Rehab Reunion
6. Hey Kafka
7. Tropical Cashmere Sweater
8. T.S.A. Man
9. Valley Road
10. Celestial Road (with Mavis Staples)

Si può ascoltare integralmente in streaming a questo link

http://www.npr.org/2016/06/03/480611453/first-listen-bruce-hornsby-and-the-noisemakers-rehab-reunion

Sembra uno dei suoi migliori lavori in assoluto.

sarah jarosz undercurrent

Sempre per il gruppo Universal, ma su etichetta Sugar Hill, il 17 giugno negli USA e Regno Unito e la settimana dopo in Italia, esce il quarto CD in studio per Sarah Jarosz, la cantante e virtuosa di mandolino e banjo di origine texana, ancora una volta pubblica un ottimo album, Undercurrent, che mischia musica da cantautrice, folk e bluegrass progressivo. Il tutto all’età di soli 25 anni compiuti da poco, con il suo esordio Song Up In Her Head, pubblicato nel 2009 quando aveva solo 18 anni.

Se vi piacciono Gillian Welch, Alison Krauss e i Nickel Creek.

margaret galspy emotions and math

https://www.youtube.com/watch?v=B94FCLbWtCU

Ogni tanto mi piace segnalarvi qualche nome nuovo in questa rubrica delle novità. Margaret Glaspy è una nuova cantautrice, originaria della Califonia, già autrice di un paio di EP, ma all’esordio con album completo, questo Emotions And Math, che verrà pubblicato dalla ATO records, sempre il fatidico 17 giugno. Una vocalist interessante che mescola indie rock angolare e chitarristico e influenze folk alla Joni Mitchell, come si arguisce dai due differenti video che potete vedere (e ascoltare) sopra e sotto, oppure anche su Spotify potete trovare alcuni brani da ascoltare, puree dai vecchi EP.

red hot chili peppers the getaway

Solo una segnalazione. Per i pochi che non lo sanno, sempre il 17 esce su warner anche il nuovo album dei Red Hot Chili Peppers, in versione CD o doppio LP, niente versioni Deluxe, queste le canzoni dell’album:

 1. The Getaway
2. Dark Necessities
3. We Turn Red
4. The Longest Wave
5. Goodbye Angels
6. Sick Love
7. Go Robot
8. Feasting On The Flowers
9. Detroit
10. This Ticonderoga
11. Encore
12. The Hunter
13. Dreams Of A Samurai

augustines this is your life

Questo CD, che è già uscito la settimana scorsa, in teoria ve lo segnalo per starne alla larga. Si tratta del nuovo disco degli Augustines This Is Your Life: esce come Pias America negli Stati Uniti il 24 giugno, ma in Europa ed Italia è già disponibile su etichetta Caroline/Universal e come direbbe Fiorello/La Russa, per me, parere personale, “è veramente brutto”, a meno che non amiate le sonorità anni ’80, fin troppo cariche e pompate, anche elettroniche e sintetiche, più che nell’album precedente.

I primi due dischi We Are Augustines del 2012 (e la successiva cover di Mama. You Been On My Mind nell’album tributo a Dylan, Chimes Of Freedom) e, già meno, l’omonimo Augustines del 2014 erano belli, anche grazie alla voce espressiva di Bill McCarthy, qui si vira verso un sound tipo gli ultimi Mumford And Sons o gli U2 più enfatici e anche peggio. Però a chi piacciono, lo segnalo.

 https://www.youtube.com/watch?v=hRU8Gfi5mDU

Ci sentiamo tra una decina di giorni per le uscite della terza decade, e ovviamente domani e nei giorni a seguire con le recensioni dettagliate delle uscite più interessanti.

Bruno Conti