E Sempre Il 1° Dicembre Escono Anche Due Ristampe Potenziate Dei Wilco: A.M. E Being There.

wilco a.m. wilco being there

Wilco – A.M. – CD Deluxe – Reprise/Rhino 

Wilco – Being There – 5 CD Deluxe Edition Reprise/Rhino 

Vengono ristampati in edizioni potenziate anche i primi due dischi dei Wilco, A.M. del 1995 e Being There del 1996, quelli più country-rock e alternative rock, ma anche Beatlesiani, registrati da Jeff Tweedy e soci subito dopo lo scioglimento degli Uncle Tupelo. Soprattutto nel secondo album cui viene aggiunto un CD bonus di studio, oltre a due CD dal vivo. Comunque ecco le nuove tracklist complete di entrambe le ristampe.

A.M. Deluxe Edition

1. I Must Be High (Remastered)
2. Casino Queen (Remastered)
3. Box Full Of Letters (Remastered)
4. Shouldn’t Be Ashamed (Remastered)
5. Pick Up The Change (Remastered)
6. I Thought I Held You (Remastered)
7. That’s Not The Issue (Remastered)
8. It’s Just That Simple (Remastered)
9. Should’ve Been In Love (Remastered)
10. Passenger Side (Remastered)
11. Dash 7 (Remastered)
12. Blue Eyed Soul (Remastered)
13. Too Far Apart (Remastered)
Bonus Tracks:
14. When You Find Trouble – Uncle Tupelo
15. Those I’ll Provide
16. Lost Love (Take 1 Vocal 2)
17. Myrna Lee
18. She Don’t Have To See You
19. Outtasite (Outta Mind) [Early Version] [Take 6]
20. Piss It Away
21. Hesitation Rocks

Being There Super Deluxe 5 CD Edition

CD1]
1. Misunderstood (Remastered)
2. Far, Far Away (Remastered)
3. Monday (Remastered)
4. Outtasite (Outta Mind) [Remastered]
5. Forget The Flowers (Remastered)
6. Red-Eyed And Blue (Remastered)
7. I Got You (At The End Of The Century) [Remastered]
8. What’s The World Got In Store (Remastered)
9. Hotel Arizona (Remastered)
10. Say You Miss Me (Remastered)

[CD2]
1. Sunken Treasure (Remastered)
2. Someday Soon (Remastered)
3. Outta Mind (Outta Sight) [Remastered]
4. Someone Else’s Song (Remastered)
5. Kingpin (Remastered)
6. (Was I) In Your Dreams [Remastered]
7. Why Would You Wanna Live (Remastered)
8. The Lonely 1 (Remastered)
9. Dreamer In My Dreams (Remastered)

[CD3]
1. Late Blooming Son
2. I Got You (Dobro Mix Warzone)
3. Out Of Sight, Out Of Mind (Alternate)
4. Far Far Away (Dark Side Of The Room)
5. Dynamite My Soul
6. Losing Interest
7. Why Would You Wanna Live (Alternate)
8. Sun’s A Star
9. Capitol City
10. Better When I’m Gone
11. Dreamer In My Dreams (Alternate Rough Take)
12. Say You Miss Me (Alternate)
13. I Got You (Alternate)
14. Monday (Party Horn Version)
15. I Can’t Keep From Talking

[CD4]
1. Sunken Treasure (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
2. Red-Eyed And Blue (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
3. I Got You (At The End Of The Century) [Live At The Troubadour 11/16/96] [Remastered]
4. Someone Else’s Song (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
5. Someday Soon (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
6. Forget The Flowers (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
7. New Madrid (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
8. I Must Be High (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
9. Passenger Side (Punk Version) [Live At The Troubadour 11/16/96] [Remastered]
10. Passenger Side (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
11. Hotel Arizona (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
12. Monday (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
13. Say You Miss Me (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]

[CD5]
1. Outtasite (Outta Mind) [Live At The Troubadour 11/16/96] [Remastered]
2. The Long Cut (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
3. Kingpin (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
4. Misunderstood (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
5. Far, Far Away (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
6. Give Back The Key To My Heart (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
7. Gun (Live At The Troubadour 11/16/96) [Remastered]
8. Sunken Treasure (Live On KCRW 11/13/96)
9. Red-Eyed And Blue (Live On KCRW 11/13/96)
10. Far, Far Away (Live On KCRW 11/13/96)
11. Will You Love Me Tomorrow (Live KCRW 11/13/96)

Non ho avuto tempo di controllare con attenzione ma mi pare che qualcosa era già uscito nel cofanetto quadruplo di inediti e rarità del 2014 Alpha Mike Foxtrot: Rare Tracks 1994 – 2014. Solo poca roba comunque, rimane molto materiale di cui gioire per i fans della band, e anche per chi ama la buona musica rock in generale. Escono entrambi il 1° Dicembre.

Bruno Conti

Poteva Mancare Un Piccolo Box “Natalizio” Dei Nostri Amici? Rolling Stones – On Air Esce Il 1° Dicembre

rolling stones on air rolling stones on air 1 cdrolling stones on air book

The Rolling Stones – On Air – Polydor Universal – 2 CD 1 CD 2 LP 01-12-2017 

Il libro Rolling Stones On Air In The Sixties: TV And Radio History As It Happened, scritto da Richard Havers, è già stato pubblicato il 26 settembre e racconta la storia dei Rolling Stones, per la prima volta si dice, attraverso tutte le loro partecipazioni televisive e radiofoniche, dalla prima apparizione in TV nel luglio del 1963 a Thank Your Lucky Stars fino al concerto di Hyde Park del 1969. Quasi in contemporanea la Unversal, che detiene i diritti del catalogo degli Stones, pubblicherà questo nuovo album dedicato ai primordi della loro carriera, che conterrà un estratto dalle loro partecipazioni a trasmissioni della BBC dal 1963 al 1965. Non si tratta di una integrale, e molto di questo materiale è già uscito, prima sotto forma di bootleg e ora con la formula del broadcast radiofonico: ma a livello ufficiale mai, e per l’occasione il materiale è stato rimasterizzato utilizzando la formula del “audio source separation”, che permette di ristabilire il bilanciamento dei canali e ottenere un suono più pieno e completo (e dal video di Come On apparso su YouTube il sound sembra fantastico). Il tutto è stato fatto nella tana degli “arcirivali” Beatles agli Abbey Road Studio di Londra. Si vocifera anche di una futura versione in video, ma per il momento la notizia è ancora confermare. Nel frattempo l’uscita di On Air è prevista per 1° dicembre, in tre formati, CD doppio, CD singolo e doppio Vinile con le stesse canzoni. Tra le “chicche segnalate” , otto canzoni mai pubblicate dagli Stones sui loro dischi di studio ed in particolare, tra le più rare, Fannie Mae un pezzo di Buster Brown del 1959, Hi Heel Sneakers di Tommy Tucker  e Cops And Robbers di Bo Diddley.

Comunque ecco il contenuto completo della versione, con le dati e di registrazione e le trasmissioni in cui apparvero le canzoni

CD1]
1. Come On – Saturday Club, 26 October 1963
2. (I Can’t Get No) Satisfaction – Saturday Club, 18 September 1965
3. Roll Over Beethoven – Saturday Club, 26 October 1963
4. The Spider And The Fly – Yeah Yeah, 30 August 1965
5. Cops And Robbers – Blues in Rhythm, 9 May 1964
6. It’s All Over Now – The Joe Loss Pop Show, 17 July 1964
7. Route 66 – Blues in Rhythm, 9 May 1964
8. Memphis, Tennessee – Saturday Club, 26 October 1963
9. Down The Road Apiece – Top Gear, 6 March 1965
10. The Last Time – Top Gear, 6 March 1965
11. Cry To Me – Saturday Club, 18 September 1965
12. Mercy, Mercy – Yeah Yeah, 30 August 1965
13. Oh! Baby (We Got A Good Thing Goin’) – Saturday Club, 18 September 1965
14. Around And Around – Top Gear, 23 July 1964
15. Hi Heel Sneakers – Saturday Club, 18 April 1964
16. Fannie Mae – Saturday Club, 18 September 1965
17. You Better Move On – Blues in Rhythm, 9 May 1964
18. Mona – Blues In Rhythm, 9 May 1964

[Deluxe Edition Bonus CD2]
1. I Wanna Be Your Man – Saturday Club, 8 February 1964
2. Carol – Saturday Club, 18 April 1964
3. I’m moving On – The Joe Loss Pop Show, 10 April 1964
4. If You Need Me – The Joe Loss Pop Show, 17 July 1964
5. Walking The Dog – Saturday Club, 8 February 1964
6. Confessin’ The Blues – The Joe Loss Pop Show, 17 July 1964
7. Everybody Needs Somebody To Love – Top Gear, 6 March 1965
8. Little By Little – The Joe Loss Pop Show, 10 April 1964
9. Ain’t That Loving You Baby – Rhythm And Blues, 31 October 1964
10. Beautiful Delilah – Saturday Club, 18 April 1964
11. Crackin’ Up – Top Gear, 23 July 1964
12. I Can’t Be Satisfied – Top Gear, 23 July 1964
13. I Just Want to Make Love To You – Saturday Club, 18 April 1964
14. 2120 South Michigan Avenue – Rhythm and Blues, 31 October 1964

Ogni tanto una buona notizia!

Bruno Conti

Si E’ Fatto Quel Periodo Dell’Anno. Rassegna Books & Blues A Casale Monferrato Dal 19 Al 22 Ottobre 2017.

Books&Blues-loc.2017 Loncandina 1jpg

Come tutti gli anni ricevo da Paolo Bonfanti, che ne è il direttore artistico (insieme a molti altri che organizzano l’evento) il programma della rassegna Books & Blues che si svolge nella seconda metà di ottobre in quel di Casale Monferrato, provincia di Alessandra. Il musicista genovese (da parecchio trapiantato in Piemonte, e non credo parente, sia pure alla lontana, ma glielo chiederò, di Marcus Bonfanti, il nuovo chitarrista inglese dei Ten Years After, di cui prossimamente sul Blog) organizza con i suoi collaboratori e amici questi eventi a tema: il titolo di questa VIII edizione è Me and the Devil: i buoni e i cattivi, dalla musica al cinema”. e in quattro serate che si svolgono all’interno dei locali della Libreria Labirinto a Casale Monferrato (AL) in via B. Sangiorgio, 4, dal 19 al 22 ottobre verrà sviscerato il tema di quest’anno, con diversi ospiti.

La prima serata, cioè giovedì 19 ottobre, vedrà la presenza di Aldo De Scalzi, musicista genovese (con la “ragione sociale” Pivio e Aldo De Scalzi, autori di colonne sonore dagli anni ’90 a oggi e non credo siano sono parenti): mentre invece Aldo è il fratello di Vittorio De Scalzi, fondatore dei New Trolls, e a sua volta nel gruppo progressive anni ’70 dei Picchio Dal Pozzo. Quindi ovviamente si parlerà (e si suonerà) di musica da cinema, con il recente vincitore del Soundtrack Stars Award 2017 di Venezia 74, con la colonna sonora del musical Ammore e Malavita dei Manetti Bros. De Scalzi si esibirà insieme al percussionista Alessandro Pelle, mentre Paolo Bonfanti sarà l’anfitrione della serata. 

Venerdì 20 ottobre, sempre alla 21.15, concerto di Kathy Kallick & Friends, dalla California per uno show di  musica bluegrass e folk; i friends sono: alla chitarra Paolo Bonfanti, al mandolino Martino Coppo, alla fisarmonica Roberto Bongianino e al basso Nicola Bruno.

Sabato 20 ottobre, ancora alla 21.15, serata denominata “Mandomania”, ovviamente dedicata al mandolino, con Tony Williamson, che viene dal Piedmont, North Carolina Martino Coppo, impegnati a duellare fino all’ultima nota con i loro strumenti.

Infine Domenica 22 alle 17.30, presentazione del CD, interamente strumentale Indifeso di Reno Brandoni e del libro Il Re Del Blues, dedicato a Robert Johnson.

Quindi se nel prossimo fine settimana “allungato” vi trovate a passare da quelle parti, oppure, meglio ancora, se volete organizzare una full immersion nella musica e nei libri, sapete dove andare, per ulteriori informazioni https://it-it.facebook.com/booksandbluescasale/

Bruno Conti

Prosegue La Saga Dei Cofanetti Inutili: A Novembre Esce “Diamonds”, L’Ennesima Antologia Di Elton John.

elton john diamonds elton john diamonds box

Il mercato discografico natalizio può essere un’arma a doppio taglio: spesso riserva piacevoli sorprese, ma sovente ci propone vere e proprie fregature o ristampe di dischi e canzoni già usciti mille volte. Farei indubbiamente rientrare nella seconda categoria questo Diamonds, che altro non è che la trecentoventesima antologia di Elton John, uno che ha sempre avuto il braccino parecchio corto nel regalare ai fans inediti o rarità: a memoria ricordo solo l’interessante box quadruplo del 1990, To Be Continued, che aveva al suo interno diverse chicche, oltre a brani incisi apposta per il progetto. Questo Diamonds, che uscirà il 10 Novembre, conterrà nella configurazione più diffusa, cioè un doppio CD, sempre le solite hits che conosciamo tutti a memoria (anche se per la prima volta in un greatest hits del pianista inglese ci saranno anche pezzi dai dischi più recenti), mentre la versione limitata in cofanetto di tre CD (che costerà attorno ai cinquanta euro) è un’altra delusione, in quanto sul terzo dischetto, che la cartella stampa spaccia orgogliosamente come “assemblato dallo stesso Elton”, invece che rarità, inediti e b-sides trovano posto altre canzoni nella maggior parte dei casi reperibilissime, ed in molti casi (Victim Of Love, Live Like Horses con Pavarotti e Good Morning To The Night con tale PNAU) di gusto discutibile. Però ci sarà un libro di 72 pagine con commenti canzone per canzone di Elton e del suo storico paroliere Bernie Taupin, foto delle copertine dei 45 giri usciti in giro per il mondo ed una serie di cartoline: come direbbero a Roma “E Sticazzi?”

Questa comunque la tracklist del box triplo (il doppio ha la stessa tracklist dei primi due CD), poi fate voi (anche se Electricity non so in quanti ce l’hanno):

CD1
1.  Your Song
2.    Tiny Dancer
3.    Rocket Man (I Think It’s Going To Be A Long, Long Time)
4.    Honky Cat
5.    Crocodile Rock
6.    Daniel
7.    Saturday Night’s Alright (For Fighting)
8.    Goodbye Yellow Brick Road
9.    Candle In The Wind
10. Bennie And The Jets
11. The Bitch Is Back
12. Philadelphia Freedom
13. Island Girl
14. Someone Saved My Life Tonight
15. Don’t Go Breaking My Heart [Elton John and Kiki Dee]
16. Sorry Seems To Be The Hardest Word
17. Little Jeannie

CD2
1. Song For Guy
2. Blue Eyes
3. I’m Still Standing
4. I Guess That’s Why They Call It The Blues
5. Sad Songs (Say So Much)
6. Nikita
7. I Don’t Wanna Go On With You Like That
8. Sacrifice
9. Don’t Let The Sun Go Down On Me [George Michael and Elton John]
10. Something About The Way You Look Tonight
11. I Want Love
12. Can You Feel The Love Tonight
13. Are You Ready For Love?
14. Electricity
15. Home Again
16. Looking Up
17. Circle Of Life

CD3
1. Skyline Pigeon (Piano Version)
2. Lucy In The Sky With Diamonds
3. Pinball Wizard
4. Mama Can’t Buy You Love
5. Part-Time Love
6. Victim of Love
7. Empty Garden (Hey Hey Johnny)
8. Kiss The Bride
9. That’s What Friends Are For [Dionne Warwick with Elton John, Gladys Knight and Stevie Wonder]
10.The One
11. True Love [Elton John and Kiki Dee]
12. Believe
13. Live Like Horses [Elton John and Pavarotti]
14. Written In The Stars [Elton John and LeAnn Rimes]
15. This Train Don’t Stop There Anymore
16. Good Morning To The Night (Elton vs PNAU)
17. Step Into Christmas

Esiste anche una versione in doppio vinile, con però soltanto 21 canzoni.

Io personalmente da Elton aspetto sempre un The Complete Singles Collection, dato che, specie negli anni settanta, il nostro ha pubblicato diversi 45 giri “staccati” dagli album.

Marco Verdi

E Questo? Occhio Al Formato E Alla Confezione. Frank Zappa – Halloween ’77 Costume Boxset E Altre “Amenità Famigliari”.

frank zappa halloween '77 front frank zappa halloween '77

Frank Zappa – Halloween ’77 – Chiavetta USB – Maschera – Costume – Universal 20-10-2017

Frank Zappa – Halloween Night 31/10/1977 – 3 CD Set

In effetti questa ci mancava! Il 20 Ottobre per il 40° Anniversario degli storici concerti di Frank Zappa al Palladium di New York, tenuti in occasione della festa di Halloween del 1977, gli eredi della famiglia Zappa, tramite la Universal, hanno realizzato questa confezione che comprenderà una chiavetta USB, a forma di caramella, con le registrazioni complete dei 6 concerti svoltisi appunto al Palladium di New York tra il 28 e il 31 di ottobre di quell’anno (di cui esistevano in precedenza delle edizioni semilegali e parziali sia in CD che in LP), 158 brani rimasterizzati con audio 24-bit, un booklet digitale di 28 pagine, con foto inedite e note del produttore abituale degli archivi zappiani  Joe Travers, co-produttore del cofanetto insieme al figlio di Frank Ahmet Zappa, nonché contributi di personaggi come il chitarrista Adrian Belew, il percussionista Ed Mann, il keyboard tech Thomas Nordegg, il tour manager Phil Kaufman e la superfan Janet “The Planet” Walley. Il materiale era stato registrato integralmente all’epoca e quattro delle esibizioni erano state anche filmate, e un riassunto già pubblicato in video come Baby Snakes, un film diretto ai tempi dallo stesso Frank Zappa.

Questo per ciò che concerne i contenuti musicali, che però sono secondari rispetto ai gadgets (sto scherzando, forse) contenuti nella confezione: maschera e costume di Frank Zappa per Halloween, ma presumo utilizzabile anche a Capodanno e Carnevale. La formazione che suona nei concerti è di tutto rispetto, una delle migliori edizioni di sempre della band di Zappa: Terry Bozzio alla batteria, Tommy Mars e Peter Wolf entrambi alle tastiere, Adrian Belew altro chitarrista formidabile e seconda voce, Ed Mann alle percussioni e Patrick O’Hearn al basso. Come si diceva la chiavetta contiene il contenuto audio completo dei concerti, ecco in dettaglio la scaletta delle sei date:

10-28-77 Show 1
1. 10-28-77 Show 1 Start/Introductions 3:28
2. Peaches En Regalia 2:42
3. The Torture Never Stops 13:05
4. Tryin’ To Grow A Chin 3:37
5. City Of Tiny Lites 6:04
6. Pound For A Brown 8:05
7. Bobby Brown Goes Down 4:33
8. Conehead (Instrumental) 9:19
9. Flakes 4:03
10. Big Leg Emma 1:47
11. Envelopes 2:29
12. Terry’s Solo #1 4:42
13. Disco Boy 3:53
14. Lather 3:36
15. Wild Love 24:05
16. Titties N Beer 7:16
17. Audience Participation #1 :48
18. The Black Page #2 3:02
19. Jones Crusher 2:48
20. Broken Hearts Are For Assholes 3:52
21. Punky’s Whips 9:43
22. Encore Audience #1 1:21
23. Dinah-Moe Humm 4:55
24. Camarillo Brillo 3:35
25. Muffin Man 4:36

10-28-77 Show 2
1. 10-28-77 Show 2 Start/Introductions 3:13
2. Peaches En Regalia 2:42
3. The Torture Never Stops 12:33
4. Tryin’ To Grow A Chin 3:37
5. City Of Tiny Lites 8:00
6. Pound For A Brown 9:19
7. Bobby Brown Goes Down 5:36
8. Conehead (Instrumental) 9:18
9. Flakes 4:10
10. Big Leg Emma 1:48
11. Envelopes 2:33
12. Terry’s Solo #2 4:17
13. Disco Boy 3:54
14. Lather 3:42
15. Wild Love 26:01
16. Titties N Beer 7:50
17. Audience Participation #2 2:37
18. The Black Page #2 3:14
19. Jones Crusher 2:58
20. Broken Hearts Are For Assholes 3:54
21. Punky’s Whips 9:51
22. Encore Audience #2 2:13
23. Dinah-Moe Humm 4:01
24. Camarillo Brillo 3:36
25. Muffin Man 6:20

10-29-77 Show 1
1. 10-29-77 Show 1 Start/Introductions 4:06
2. Peaches En Regalia 2:42
3. The Torture Never Stops 12:59
4. Tryin’ To Grow A Chin 3:34
5. City Of Tiny Lites 7:15
6. Pound For A Brown 8:26
7. Bobby Brown Goes Down 6:06
8. Conehead (Instrumental) 5:50
9. Flakes 3:53
10. Big Leg Emma 1:52
11. Envelopes 2:42
12. Terry’s Solo #3 3:51
13. Disco Boy 3:57
14. Lather 3:40
15. Wild Love 22:51
16. Titties N Beer 6:01
17. Audience Participation #3 2:42
18. The Black Page #2 3:05
19. Jones Crusher 2:53
20. Broken Hearts Are For Assholes 3:50
21. Punky’s Whips 9:18
22. Encore Audience #3 1:46
23. Dinah-Moe Humm 5:12
24. Camarillo Brillo 3:29
25. Muffin Man 5:09

10-29-77 Show 2
1. 10-29-77 Show 2 Start/Introductions 4:21
2. Peaches En Regalia 2:42
3. The Torture Never Stops 11:30
4. Tryin’ To Grow A Chin 3:36
5. City Of Tiny Lites 7:01
6. Pound For A Brown 9:05
7. Bobby Brown Goes Down 9:12
8. Conehead (Instrumental) 6:29
9. Flakes 3:28
10. Big Leg Emma 1:49
11. Envelopes 2:52
12. Terry’s Solo #4 4:07
13. Disco Boy 3:54
14. Lather 3:56
15. Wild Love 27:33
16. Titties N Beer 8:12
17. Audience Participation #4 5:02
18. The Black Page #2 2:57
19. Jones Crusher 2:49
20. Broken Hearts Are For Assholes 3:48
21. Punky’s Whips 9:36
22. Encore Audience #4 2:23
23. Dinah-Moe Humm 6:19
24. Camarillo Brillo 3:30
25. Muffin Man 6:02

10-30-77 Show
1. 10-30-77 Show Start 1:40
2. Stink-Foot 7:45
3. The Poodle Lecture 5:10
4. Dirty Love 2:32
5. Peaches En Regalia 2:40
6. The Torture Never Stops 12:53
7. Tryin’ To Grow A Chin 3:32
8. City Of Tiny Lites 7:36
9. Pound For A Brown 10:03
10. I Have Been In You 8:35
11. Dancin’ Fool (World Premiere) 4:50
12. Jewish Princess (Prototype) 4:41
13. King Kong 8:45
14. Terry’s Solo #5 5:07
15. Disco Boy 4:01
16. Envelopes 2:19
17. A Halloween Treat with Thomas Nordegg 6:17
18. Lather 3:47
19. Wild Love 25:19
20. Titties N Beer 7:01
21. Audience Participation #5 8:28
22. The Black Page #2 2:59
23. Jones Crusher 2:53
24. Broken Hearts Are For Assholes 3:52
25. Punky’s Whips 12:36
26. Encore Rap 1:11
27. Dinah-Moe Humm 6:06
28. Camarillo Brillo 3:27
29. Muffin Man 5:18

10-31-77 Show
1. Halloween 1977 Show Start/Introductions 3:11
2. Peaches En Regalia 2:42
3. The Torture Never Stops 13:54
4. Tryin’ To Grow A Chin 3:35
5. City Of Tiny Lites 8:17
6. Pound For A Brown 13:40
7. The Demise Of The Imported Rubber Goods Mask 8:33
8. Bobby Brown Goes Down 3:49
9. Conehead (Instrumental) 8:21
10. Flakes 3:04
11. Big Leg Emma 1:58
12. Envelopes 2:25
13. Terry’s Halloween Solo 4:38
14. Disco Boy 3:55
15. Lather 3:58
16. Wild Love 30:11
17. Titties ’N’ Beer 7:24
18. Halloween Audience Participation 7:04
19. The Black Page #2 2:55
20. Jones Crusher 2:58
21. Broken Hearts Are For Assholes 3:52
22. Punky’s Whips 11:23
23. Halloween Encore Audience I 2:07
24. Dinah-Moe Humm 6:41
25. Camarillo Brillo 3:24
26. Muffin Man 5:21
27. San Ber’dino 5:01
28. Black Napkins 9:19

Come vedete il repertorio è abbastanza simile nelle quattro giornate (per usare un eufemismo), anche se c’è qualche sorpresa e le versioni sono leggermente differenti nei diversi concerti, ma ovviamente il tutto è indirizzato soprattutto ai “fanatici” di Frank Zappa, o dei costumi di Halloween, mentre per chi si accontenta il triplo CD con la serata completa del 31 ottobre, la vera Halloween Night, dovrebbe essere comunque più che soddisfacente, tenendo conto che il cofanetto costerà indicativamente tra gli 80 e i 90 euro, mentre il triplo dovrebbe venire una trentina di euro. Questo sotto è il contenuto dei 3 CD:

CD 1
1. Halloween 1977 Show Start/Introductions
2. Peaches En Regalia
3. The Torture Never Stops
4. Tryin’ To Grow A Chin
5. City Of Tiny Lites
6. Pound For A Brown
7. The Demise Of The Imported Rubber Goods Mask
8. Bobby Brown Goes Down
9. Conehead (Instrumental)
10. Flakes
11. Big Leg Emma
CD 2
1. Envelopes
2. Terry’s Halloween Solo
3. Disco Boy
4. Lather
5. Wild Love
6. Titties ’N’ Beer
7. Halloween Audience Participation
8. The Black Page #2
9. Jones Crusher
10. Broken Hearts Are For Assholes
CD 3
1. Punky’s Whips
2. Halloween Encore Audience
3. Dinah-Moe Humm
4. Camarillo Brillo
5. Muffin Man
6. San Ber’dino
7. Black Napkins
Bonus Section:
8. King Kong
9. A Halloween Treat With Thomas Nordegg
10. Audience Participation #5
11. The Black Page #2

Come saprete (se no ve lo dico io) nel frattempo le cose non vanno benissimo tra i vari figli di Zappa, dopo la morte della vedova Gail Collins, avvenuta nel 2015. Dweezil Zappa è stato costretto a cambiare il nome del suo spettacolo, che da anni portava in giro per il mondo, da “Zappa Plays Zappa” a “Dweezil Zappa Plays Frank Zappa” (veramente una cosa di lana caprina), ha acconsentito, ma non l’ha presa benissimo cambiandolo polemicamente in “Dweezil Zappa Plays Whatever The F@% He Wants: The Cease And Desist Tour” , che sarebbe più o meno “Dweezil Zappa suona quel cazzo che vuole: il Tour del cessa o desisti”. E poi si è ulteriormente smarcato dalla nuova mossa dei fratelli minori Ahmet e Diva che hanno pensato di mandare in tour una versione in ologramma del padre, per eseguire il suo repertorio più celebre!

That’s All Folks, alla prossima.

Bruno Conti

Lo “Strano Caso” Di Mr. David Crosby: Tre Album in 45 Anni, E Poi Tre In Tre Anni! Ecco Il Nuovo Disco Sky Trails

david crosby sky trails

David Crosby – Sky Trails – BMG Rights Management 

David Crosby, come ricordo nel titolo del Post, da solista ha pubblicato 3 album in 45 anni circa di carriera, e poi, improvvisamente, dal disco del 2014 Croz a oggi, un filotto di ben 3 nuove uscite in tre anni. E’ ovvio che in tutto questo lungo periodo il nostro amico ha pubblicato altro materiale come CPR, Crosby & Nash, CSN, C S N & Y, oltre a varie partecipazioni a dischi di altri artisti, le più recenti quelle con Chris Hillman, Kenny White Becca Stevens, ma anche nel disco Family Dinner Vol.2 degli Snarky Puppy, di cui tra un attimo. E sapete una cosa, mi sono accorto che non abbiamo mai parlato estesamente dei due dischi precedenti, limitando la presenza di Crosby sul Blog a livello recensioni ad un vecchio disco dal vivo del 1970 http://discoclub.myblog.it/2014/12/24/dal-inviato-nel-passato-david-crosby-live-at-the-matrix-december-1970/  (scritta da Jimmy Ragazzon dei Mandolin’ Brothers) e all’inedito C S N Y 1974, pubblicato nel 2014 http://discoclub.myblog.it/2014/07/26/sogno-o-son-desto-crosby-stills-nash-young-csny-1974/. Quindi l’uscita di questo nuovo Sky Trails è l’occasione gradita per parlare di questo grande artista che in tarda età sembra avere trovato una inattesa prolificità, e anche con album di ottimo livello qualitativo, come conferma il nuovo CD del 2017. A differenza del precedente Lighthouse dello scorso anno, che era un disco molto intimista e quasi acustico prodotto da Michael League degli Snarky Puppy, che suonava anche quasi tutti gli strumenti, quello nuovo è un album più “elettrico”, spesso full band, molto influenzato dal jazz contemporaneo (e dalle frange jazz-rock più moderne), con il figlio James Raymond che è il produttore per l’occasione, oltre a suonare le tastiere, affiancato dagli eccellenti Mai Agan, di origine estone, al basso (suonato in uno stile fretless alla Jaco Pastorius), Steve DiStanislao alla batteria, e Steve Tavaglione, al sax, che sono il cuore della band, che in vari brani si amplia con l’aggiunta dei altri musicisti.

Come per esempio nell’iniziale She’s Got To Be Somewhere, che nelle parole dello stesso Crosby è un brano alla Steely Dan, suona volutamente come certe cose di Donald Fagen, che è uno dei musicisti che David apprezza di più, un pezzo dove i nove musicisti impiegati ricordano moltissimo il sound dei Dan, quel raffinato ma mosso stile, dove jazz, rock e funky-soul convivono negli intrecci di piano elettrico, sax, chitarra e ritmica intricata: sostituite la voce di Crosby a quella di Fagen e sembra proprio un brano degli Steely Dan, grazie anche alle complesse armonie vocali e alle spruzzate improvvise di fiati, piacevole ed inconsueto per Croz. Che però ritorna al suo stile classico per una eterea e ricercata title-track, scritta con Becca Stevens, che è anche la voce principale e duettante, su una base di chitarra acustica arpeggiata si ricrea quel sound “spaziale” che è il marchio di fabbrica della musica del nostro, mentre il sax di Tavaglione è lasciato libero di improvvisare appunto negli spazi lasciati dalle voci stratificate ed in libertà dei due, molto interessante ed affascinante. Sell Me A Diamond è una deliziosa canzone che fonde lo stile jazzy dell’album con il classico sound alla CSN o Crosby & Nash se preferite, con bellissime armonie vocali e il lavoro notevole della lap steel di Greg Leisz e della solista di Jeff Pevar, oltre alla tessitura del piano di Raymond, per una canzone che mi pare tra le cose più vicine a rock e west coast sound, nonché migliori del disco, mentre Before Tomorrow Falls On Love è una ballata pianistica più introspettiva, firmata con Michael McDonald e cantata con splendida souplesse e voce angelica da David, brano dove si apprezza anche il lavoro di fino del basso fretless di Agan oltre al piano di Raymond, che si ripetono pure in Here It’s Almost Sunset, con il basso più marcato e il sax di Tavaglione che cerca di riprendere il ruolo che fu di Wayne Shorter in Hejira e Don Juan’s Reckless Daughter di Joni Mitchell, altra artista che Croz ammira molto ( e con cui aveva firmato, tantissimi anni fa, nel primo disco dell’artista canadese, Yvette In English) e che per certi versi omaggia (in)direttamente in queste canzoni.

Spingendosi poi fino a riprendere proprio la sua Amelia, in una cover che rivaleggia come bellezza con l’originale di Joni, anche per il tipo di suono jazz ma “californiano” al tempo stesso, con il piano e la lap steel di Leisz in evidenza, come pure la voce di Crosby che si libra ancora sicura e potente sulle note senza tempo di questa splendida canzone.Nel disco, prima del brano della Mitchell, troviamo Capitol, il brano più politicizzato della raccolta, sulla falsariga della vecchia What Are Their Names, che era nel primo disco solo del 1971 e che parlava delle “malefatte” della politica americana dei tempi, questa volta si parla nello specifico degli eletti al Congresso americano che Crosby considera i peggiori di sempre, corrotti, legati alle corporazioni, poco democratici nei loro comportamenti (ricorda qualcosa, mah, non saprei), e lo fa con un brano tra i più ritmati e mossi dell’album, con il classico sound del Crosby dell’ultimo periodo, vicino a Croz, ma con un occhio alle sonorità elettroacustiche del passato, comunque un altro brano decisamente sopra la media in un disco  tra i migliori in assoluto della discografia (non ricchissima) del nostro. Mancano ancora Somebody Home che è la canzone già presente nel disco dal vivo degli Snarky Puppy Family Dinner Volume Two, che viene riproposta in una nuova bellissima versione di studio, sempre accompagnato discretamente comunque dalla band di Brooklyn, con il pezzo che mantiene quell’aura sonora delicata, quasi sussurrata, tipica della migliori canzoni di David, calda ed avvolgente nella sua raffinata semplicità (non è un ossimoro); a seguire troviamo Curved Air, un brano abbastanza particolare, scritto con il figlio James  Raymond, un pezzo dall’impianto sonoro quasi flamenco, ma con la chitarra arpeggiata ricreata con le tastiere ed il gioco ritmico di percussioni e basso ispirato da quella musica, ma che confluisce in una melodia da cantautore “classico” quale possiamo e dobbiamo considerare David Crosby, uno degli ultimi grandi della musica americana, che ci congeda con Home Free, un altro affascinante tuffo nel suo migliore songbook, un brano dove chitarre acustiche, basso elettrico e poco altro si insinuano tra le pieghe di una serena riflessione vocale che sfiora quasi la perfezione sonora. Veramente un bel disco.

Esce venerdì 29 settembre.

Bruno Conti

Ecco Un Altro (Piccolo) Cofanetto Futuro Fondamentalmente (In)Utile. Doors – Strange Days (50th Anniversary Expanded Edition)

doors strange days 50th anniversary

The Doors – Strange Days 50th Anniversary Edition – 2 CD Elektra/Rhino 17-11-2017

Si avvicinano le feste natalizie e cominciano a moltiplicarsi gli annunci delle principali ristampe future, molte veramente inutili. A parte forse per i patiti dell’alta fedeltà. Dopo la ripubblicazione del primo album dei Doors, avvenuta questa primavera in formato Deluxe http://discoclub.myblog.it/2017/04/23/la-versione-deluxe-di-un-album-leggendarioma-si-poteva-fare-meglio-the-doors-the-doors/ , con l’album pubblicato in un box quadruplo, con l’album in CD in versione mono e stereo, ma senza le bonus della precedente edizione, con i concerti del Matrix, già usciti peraltro completi nel 2008 in doppio CD, qui ridotto a uno, e il vinile dell’album. Non per nulla l’amico Marco così concludeva la recensione del cofanetto: ” Speriamo che nella (probabile) deluxe edition di Strange Days (il secondo album dei Doors, uscito anch’esso nel 1967) ci si impegni un po’ di più per includere qualche extra interessante.”

E invece direi che abbiamo nettamente peggiorato: nell’annunciare in pompa magna l’uscita del doppio CD rendono note orgogliosamente due cose. Innanzi tutto che il disco è stato prodotto dall’ingegnere originale dell’album Bruce Botnick, che per la prima volta da dieci anni ha utilizzato in CD il mix stereo originale dell’epoca e poi che il suono di Strange Days è stato rimasterizzato per la prima volta da trent’anni a questa parte. E ancora che si sono nuove note firmate dal giornalista David Fricke, e soprattutto una selezione di rare, e in alcuni casi, mai viste fotografie. E queste son soddisfazioni. Quasi meglio del recente Their Satanic Majesties Request degli Stones, che almeno ha la copertina lenticolare. Ormai pur di far comprare ai fan sempre le stesse cose, stiamo arrivando a questi mezzucci delle edizioni mono/stereo. Scusate ma mi sembra che si sfiora la circonvenzione di incapaci, oltre a tutto in molti casi, pare, anche contenti di essere, come si dice, “cornuti e mazziati”!

In ogni caso il piccolo manufatto esce il 17 novembre. Benché forse inutile questa versione almeno non sarà particolarmente costosa. Io mi limito a segnalare, poi vedete sempre voi. Ecco il contenuto del doppio CD.

 [CD1: Stereo Mix – 2017 Remaster]
1. Strange Days
2. You’re Lost Little Girl
3. Love Me Two Times
4. Unhappy Girl
5. Horse Latitudes
6. Moonlight Drive
7. People are Strange
8. My Eyes Have Seen You
9. I Can’t See Your Face in My Head
10. When the Music’s Over

[CD2: Mono Mix – 2017 Remaster]
1. Strange Days
2. You’re Lost Little Girl
3. Love Me Two Times
4. Unhappy Girl
5. Horse Latitudes
6. Moonlight Drive
7. People are Strange
8. My Eyes Have Seen You
9. I Can’t See Your Face in My Head
10. When the Music’s Over

E’ giusto che i dischi classici vengano proposti in nuove edizioni, ma visto che, ribadisco, li comprano bene o male sempre le stesse persone, almeno inserire delle bonus (che nella versione del 40° Anniversario c’erano) mi sembra il minimo sindacale. O troppo, in tutti i sensi, vedi Dylan, o (quasi) niente, vedi i Doors, ma anche altre uscite recenti e future. Ovviamente se vi manca l’album non tenete conto di quanto detto finora, perché il disco merita assolutamente di entrare in ogni discoteca che si rispetti!

Bruno Conti

Anteprima Nuovo Album: Grande Rock Made In Italy? Si Può Fare! Cheap Wine – Dreams

cheap wine dreams

Cheap Wine – Dreams – Cheap Wine CD

Quest’anno i Cheap Wine, rock band italianissima originaria di Pesaro, festeggiano i vent’anni dal loro esordio discografico (il mini album Pictures), vent’anni di musica orgogliosamente indipendente e priva di compromessi. Personalmente non ho iniziato a seguirli da subito, avevo ascoltato un paio dei loro primi album e mi erano piaciuti, ma ritengo che la svolta artistica della loro carriera sia avvenuta prima con Freak Show (2007), ma più ancora con il bellissimo Spirits (2009), un lavoro maturo, profondo, decisamente “americano” e di un livello professionale davvero alto. Il live doppio dell’anno seguente, Stay Alive!, mi aveva poi letteralmente steso, un disco di una potenza e di un’intensità quasi impossibili da trovare in una band italica: mi aveva colpito a tal punto che lo avevo inserito tra i dieci dischi più belli di quell’anno, ed io non sono uno che guarda tanto all’interno dei propri confini quando si tratta di fare delle liste. Nel 2012 un altro disco bellissimo, Based On Lies, un album dai testi pessimistici e cupi, che narrava di una società allo sbando nella quale nessuno diceva la verità, una situazione ancor di più aggravata dalla crisi economica. Testi amari, ma grande musica, con alcune delle canzoni più belle del gruppo (Waiting On The Door, Give Me Tom Waits, la title track e la magnifica The Vampire), che rivelavano le nobili influenze della band guidata dai fratelli Marco e Michele Diamantini, da Bruce Springsteen a Neil Young, passando per Tom Petty ed anche gruppi “minori” (il virgolettato è ironico) come Dream Synidicate e Green On Red (ed il loro nome deriva proprio da un brano del primo disco della band di Dan Stuart, Gravity Talks…e meno male che non hanno scelto di chiamarsi Narcolepsy, che è il titolo della canzone che veniva dopo). Due anni dopo ecco Beggar Town, un disco ancora più cupo del suo predecessore, stavolta anche nelle musiche, con tracce anche di Leonard Cohen e Lou Reed, un vero e proprio seguito di Based On Lies, con i protagonisti delle canzoni che dovevano far fronte ai disastri causati dai problemi emersi sul primo disco, e trovare la forza di risollevarsi http://discoclub.myblog.it/2014/10/06/il-grande-rock-abita-anche-italia-molto-tempo-cheap-wine-beggar-town-album-concerto/ . Dopo un altro eccellente live, Mary And The Fairy (2015), i Cheap Wine hanno ora completato la trilogia con Dreams, un album di dieci canzoni selezionate accuratamente su una quantità decisamente superiore, e pubblicato tramite un crowdfunding iniziato i primi mesi di quest’anno (ne parlo in anteprima in quanto ho partecipato alla sottoscrizione e ne ho ricevuta una copia, il disco sarà in commercio in questi giorni, ufficialmente esce il prossimo 3 ottobre 2017 con distribuzione Ird).

cheapwine2017web

Dreams è un lavoro più ottimistico dal punto di vista dei testi, e descrive il bisogno di amore e di sogni che hanno le persone per affrontare i problemi, e per sogni si intendono quelli che si fanno per il futuro ma anche quelli notturni, magari strani e particolari ma che possono anche lasciare sensazioni bellissime. Per quanto riguarda le musiche invece Dreams è a mio parere superiore a Beggar Town, e si mette sullo stesso piano di Based On Lies, diventando uno dei più belli del gruppo pesarese, almeno a mio giudizio: Marco Diamantini è un cantante dalla voce calda e con sfumature che gli permettono di passare con disinvoltura da un genere all’altro, il fratello Michele un chitarrista formidabile, potente e vigoroso ma quando serve anche raffinato, tecnica e feeling allo stato puro, Alessio Raffaelli un tastierista ormai indispensabile al suono della band, e la sezione ritmica formata da Andrea Giaro (basso) ed Alan Giannini (batteria, un macigno, il Kenny Aronoff, o Max Weinberg, italiano) è tra le migliori al momento nella nostra penisola. Il CD, in digipak e con i testi scritti sia in inglese che in italiano, inizia con la tonante Full Of Glow, una rock’n’roll song chitarristica dal ritmo trascinante e basso e batteria che picchiano come fabbri, come se Steve Wynn fosse per un giorno il cantante dei Rolling Stones. Una parola per la pulizia e la qualità del suono, davvero spettacolare. Naked ha un intro di chitarra younghiano, ma subito entra un organo insinuante ed il brano si sviluppa sinuoso e diretto nello stesso tempo, con Michele che inizia ad arrotare alla grande, peccato soltanto che l’assolo sia sfumato nel finale. La cadenzata The Wise Man’s Finger, con un ottimo lavoro di piano elettrico, è suadente e con un mood notturno, una melodia fluida che Marco porge nel modo migliore, con una punta di “viziosità” che non guasta, mentre Pieces Of Disquiet è scura, cupa e drammatica, cantata con un tono di voce basso e ricco di fascino, ed uno uso intrigante del piano, un pezzo che rimanda quasi alle cose migliori di Nick Cave: il brano ha uno sviluppo ricco di pathos e dimostra che i ragazzi sono ormai una realtà di livello internazionale, grande canzone.

Bellissima anche Bad Crumbs And Pats On The Back, una rock song dura e diretta come un pugno, con la chitarra che fende l’aria da par suo, ed il motivo è decisamente immediato; Cradling My Mind è una ballata sempre elettrica ma con un mood più rilassato, e Marco dimostra di avere una buona duttilità vocale: una boccata d’aria fresca prima di tornare in ambito rock’n’roll con l’irresistibile For The Brave, gran ritmo, chitarre a palla ed organo dal suono vintage, impossibile tenere fermo il piede (dal vivo farà certamente faville). I Wish I Were The Rainbow è splendida, una rock ballad dal suono classico, un organo caldo ed una melodia distesa e fluida, per uno dei testi più ottimisti del disco, una sorta di ringraziamento verso una persona cara per l’aiuto che fornisce nell’affrontare le difficoltà quotidiane. Il CD, 44 minuti spesi benissimo, termina con la dolce Reflection, un raro episodio acustico con tanto di violoncello e tastiere anni sessanta, quasi pop ma di gran classe, e con la title track, un pezzo che nel testo riassume tutto il senso del disco (citando anche il titolo del primo album della trilogia, Based On Lies), mentre musicalmente è un altro slow intenso ed emozionante, con Marco che lo interpreta in maniera decisamente toccante, un misto di cantato e talkin’, quasi alla Roger Waters, ed un crescendo strumentale notevole, un finale perfetto per un altro splendido lavoro.

Ho pochi dubbi: in questo momento i Cheap Wine sono la migliore rock band italiana. E se dovessero passare dalle vostre parti, non fateveli sfuggire. (*NDB. Saranno a Milano allo Spazio Teatro 89 sabato 14 ottobre, proprio a presentare il nuovo album).

Marco Verdi

Se Ne Sentiva La Mancanza. “Finalmente” Il 13 Ottobre Esce The Who Tommy Live At The Royal Albert Hall

who tommy live royal albert hall 2017 2 cd who tommy live royal albert hall 2017 dvd

The Who – Tommy Live At The Royal Albert Hall – 2 CD – DVD – Blu-ray – 3 LP Eagle Rock/Eagle Vision/Universal 13-10-2017

Ormai il numero delle esibizioni di Tommy Live si perde nella notte dei tempi, si risale al lontano 1969 quando uscì la prima edizione discografica dell’album. Poi, nel corso dei decenni, da Woodstock al Live At Leeds, passando ancora per la versione orchestrale al Rainbow Theatre di Londra nel 1972, ed innumerevoli altre volte da allora, soprattutto nei tour del 1989 e 2002, molte anche pubblicate su LP, CD o DVD. L’ultima è questa, registrata nel mese di aprile alla Royal Albert Hall, nell’ambito del Teenage Cancer Trust, per la benemerita organizzazione che raccoglie fondi per gli adolescenti malati di tumore, e il cui concerto era il 100° della serie. Quindi la causa è nobile, in più Pete Townhsend ci dice che è la prima volta che Tommy viene eseguito completo dal vivo, in tutte le altre esibizioni era sempre stata tralasciata qualche traccia dell’opera rock. Come si dice, facciamo a fidarci, e diamo per buona la notizia: il concerto esce in vari formati e oltre a Townshend e Roger Daltrey (che è il curatore del progetto), sul palco troviamo Simon Townshend (chitarra e voce); Zak Starkey (batteria); Jon Button (basso); Frank Simes (tastiere); Loren Gold (tastiere); John Corey (tastiere), forse fin troppi tastieristi per i miei gusti. Oltre a tutto per una serata che avrebbe dovuto presentare una versione acustica della celebre storia del bimbo cieco mago del flipper, ma poi per problemi di tempo nell’adattamento alla nuova versione si è preferito andare per il classico, anche con il rischio di ulteriori danni all’udito di Townshend, minato dal tinnito, soprattutto in quella location, la Royal Albert Hall, dove il volume dell’audio si amplifica a volumi quasi intollerabili per il chitarrista degli Who.

Tra le chicche delle serata un maxischermo dove venivano proiettati disegni animati per illustrare le fasi della storia e una speciale coreografia di luci. Nella seconda parte del concerto sono stati eseguiti anche altri sette brani tra i più celebri della band. E negli extra delle edizioni in video, oltre al backstage del concerto, ci sono anche due speciali videoclip a cartoni animati con le musiche di The Acid Queen e Pinball Wizard. Comunque ecco la tracklist completa.

1. Overture
2. It’s A Boy
3. 1921
4. Medley: Amazing Journey / Overture
5. Sparks
6. Eyesight To The Blind (The Hawker)
7. Christmas
8. Cousin Kevin
9. The Acid Queen
10. Do You Think It’s Alright?
11. Fiddle About
12. Pinball Wizard
13. There’s A Doctor
14. Go To The Mirror
15. Tommy Can You Hear Me?
16. Smash The Mirror
17. Underture
18. I’m Free
19. Miracle Cure
20. Sensation
21. Sally Simpson
22. Welcome
23. Tommy’s Holiday Camp
24. We’re Not Gonna Take It
25. I Can’t Explain
26. Join Together
27. I Can See For Miles
28. Who Are You
29. Love, Reign O’er Me
30. Baba O’Riley
31. Won’t Get Fooled Again

DVD/Blu-ray Bonus Features
– Behind The Scenes
– The Acid Queen
– Pinball Wizard

Esce il 13 ottobre p.v.

Bruno Conti

E Volevate Che Anche Quest’Anno Non Uscisse Il Classico Cofanetto Di Bob Dylan? Certo Che No. Trouble No More – The Bootleg Series Vol.13 Il 3 Novembre 2017

bob dylan bootleg series 13 trouble no more

bob dylan trouble no more

Bob Dylan – Trouble No More – The Bootleg Series vol. 13 1979-1981 – Columbia/Legacy Deluxe 8CD + 1 DVD – 2 CD – 4 LP 03-11-2017

Ovviamente la domanda del titolo del Post è retorica. Dopo il periodo Sinatrologo e il megacofanetto dello scorso anno The 1966 Live Recordings, quest’anno a novembre ritornano i classici volumi delle Bootleg Series, giunti al capitolo n°13. Annunciato da tempo, si era parlato come titolo di The Gospel Years, ma alla fine il titolo ufficiale sarà Trouble No More 1979-1981, e copre il periodo dei tre album della “svolta religiosa” di Bob Dylan, ovvero Slow Train Coming, Saved Shot Of Love, dischi magari non amatissimi da alcuni dei fan, ma ricchi anche di belle canzoni e con svariati eccellenti musicisti utilizzati nelle sessioni di studio, tenute anche, per i primi album, ai Muscle Shoals Studios.

Ci saranno due versioni differenti, la SuperDeluxe Edition da 8 CD e 1 DVD, con 100 registrazioni mai pubblicate prima, in studio e dal vivo, di cui 14 canzoni inedite. Nel DVD, Intitolato Trouble No More: A Musical Film, ci sarà anche materiale dal vivo estratto dal “leggendario” (lo dice la nota informativa della Sony) tour del 1980. Quindi tutto fantastico, purtroppo pare anche il prezzo, che indicativamente dovrebbe oscillare tra i 150 e i 200 euro, anche in virtù della presenza del solito “librone” fotografico da 120 pagine che vedete effigiato sopra. Per i più poveri, al solito, ci sarà una versione standard in doppio CD.

Ecco i contenuti contenuti completi delle due edizioni.

Deluxe Edition

[CD1: Live]
1. Slow Train (Nov. 16, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Nov. 15, 1979)
3. I Believe in You (May 16, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (July 9, 1981)
5. When He Returns (Dec. 5, 1979)
6. Man Gave Names to All the Animals (Jan. 16, 1980)
7. Precious Angel (Nov. 16, 1979)
8. Covenant Woman (Nov. 20, 1979)
9. Gonna Change My Way of Thinking (Jan. 31, 1980)
10. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Jan. 28, 1980)
11. Solid Rock (Nov. 27, 1979)
12. What Can I Do for You? (Nov. 27, 1979)
13. Saved (Jan. 12, 1980)
14. In the Garden (Jan. 27, 1980)

[CD2: Live]
1. Slow Train (June 29, 1981)
2. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Apr. 24, 1980)
3. Gotta Serve Somebody (July 15, 1981)
4. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – Nov. 16, 1979)
5. Saving Grace (Nov. 6, 1979)
6. Blessed Is the Name (Unreleased song – Nov. 20, 1979)
7. Solid Rock (Oct. 23, 1981)
8. Are You Ready? (Apr. 30, 1980)
9. Pressing On (Nov. 6, 1979)
10. Shot of Love (July 25, 1981)
11. Dead Man, Dead Man (June 21, 1981)
12. Watered-Down Love (June 12, 1981)
13. In the Summertime (Oct. 21, 1981)
14. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Nov. 13, 1980)
15. Caribbean Wind (Nov. 12, 1980)
16. Every Grain of Sand (Nov. 21, 1981)

[CD3: Rare and Unreleased]
1. Slow Train (Soundcheck – Oct. 5, 1978)
2. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Soundcheck – Dec. 7, 1978)
3. Help Me Understand (Unreleased song – Oct. 5, 1978)
4. Gonna Change My Way of Thinking (Rehearsal – Oct. 2, 1979)
5. Gotta Serve Somebody (Outtake – May 4, 1979)
6. When He Returns (Outtake – May 4, 1979)
7. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – May 1, 1979)
8. Trouble in Mind (Outtake – April 30, 1979)
9. Ye Shall Be Changed (Outtake – May 2, 1979)
10. Covenant Woman (Outtake –February 11, 1980)
11. Stand by Faith (Unreleased song – Sept. 26, 1979)
12. I Will Love Him (Unreleased song – Apr. 19, 1980)
13. Jesus Is the One (Unreleased song – Jul. 17, 1981)
14. City of Gold (Unreleased song – Nov. 22, 1980)
15. Thief on the Cross (Unreleased song – Nov. 10, 1981)
16. Pressing On (Outtake – Feb. 13, 1980)

[CD4: Rare and Unreleased]
1. Slow Train (Rehearsal – Oct. 2, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Rehearsal – Oct. 9, 1979)
3. Making a Liar Out of Me (Unreleased song – Sept. 26, 1980)
4. Yonder Comes Sin (Unreleased song – Oct. 1, 1980)
5. Radio Spot January 1980, Portland, OR show
6. Cover Down, Pray Through (Unreleased song – May 1, 1980)
7. Rise Again (Unreleased song – Oct. 16, 1980)
8. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Dec. 2, 1980)
9. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Outtake – May 1, 1981)
10. Caribbean Wind (Rehearsal – Sept. 23, 1980)
11. You Changed My Life (Outtake – April 23, 1981)
12. Shot of Love (Outtake – March 25, 1981)
13. Watered-Down Love (Outtake – May 15, 1981)
14. Dead Man, Dead Man (Outtake – April 24, 1981)
15. Every Grain of Sand (Rehearsal – Sept. 26, 1980)

[CD5: Live in Toronto 1980]
1. Gotta Serve Somebody (April 18, 1980)
2. I Believe In You (April 18, 1980)
3. Covenant Woman (April 19, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (April 18, 1980)
5. When He Returns (April 20, 1980)
6. Ain’t Gonna Go To Hell For Anybody (Unreleased song – April 18, 1980)
7. Cover Down, Pray Through (Unreleased song – April 19, 1980)
8. Man Gave Names To All The Animals (April 19, 1980)
9. Precious Angel (April 19, 1980)

[CD6: Live in Toronto 1980]
1. Slow Train (April 18, 1980)
2. Do Right To Me Baby (Do Unto Others) (April 20, 1980)
3. Solid Rock (April 20, 1980)
4. Saving Grace (April 18, 1980)
5. What Can I Do For You? (April 19, 1980)
6. In The Garden (April 20, 1980)
7. Band Introductions (April 19, 1980)
8. Are You Ready? (April 19, 1980)
9. Pressing On (April 18, 1980)

[CD7: Live in Earl’s Court, London – June 27, 1981]
1. Gotta Serve Somebody
2. I Believe In You
3. Like A Rolling Stone
4. Man Gave Names To All The Animals
5. Maggie’s Farm
6. I Don’t Believe You
7. Dead Man, Dead Man
8. Girl From The North Country
9. Ballad Of A Thin Man

[CD8: Live in Earl’s Court, London – June 27, 1981]
1. Slow Train
2. Let’s Begin
3. Lenny Bruce
4. Mr. Tambourine Man
5. Solid Rock
6. Just Like A Woman
7. Watered-Down Love
8. Forever Young
9. When You Gonna Wake Up
10. In The Garden
11. Band Introductions
12. Blowin’ In The Wind
13. It’s All Over Now, Baby Blue
14. Knockin’ On Heaven’s Door

[DVD]
Trouble No More – A Musical Film
Extras:
Shot of Love
Cover Down, Pray Through
Jesus Met the Woman at the Well (Alternate version)
Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Complete version)
Precious Angel (Complete version)
Slow Train (Complete version)

 Standard Edition

[CD1]
1. Slow Train (Nov. 16, 1979)
2. Gotta Serve Somebody (Nov. 15, 1979)
3. I Believe in You (May 16, 1980)
4. When You Gonna Wake Up? (July 9, 1981)
5. When He Returns (Dec. 5, 1979)
6. Man Gave Names to All the Animals (Jan. 16, 1980)
7. Precious Angel (Nov. 16, 1979)
8. Covenant Woman (Nov. 20, 1979)
9. Gonna Change My Way of Thinking (Jan. 31, 1980)
10. Do Right to Me Baby (Do Unto Others) (Jan. 28, 1980)
11. Solid Rock (Nov. 27, 1979)
12. What Can I Do for You? (Nov. 27, 1979)
13. Saved (Jan. 12, 1980)
14. In the Garden (Jan. 27, 1980)

[CD2]
1. Slow Train (June 29, 1981)
2. Ain’t Gonna Go to Hell for Anybody (Unreleased song – Apr. 24, 1980)
3. Gotta Serve Somebody (July 15, 1981)
4. Ain’t No Man Righteous, No Not One (Unreleased song – Nov. 16, 1979)
5. Saving Grace (Nov. 6, 1979)
6. Blessed Is the Name (Unreleased song – Nov. 20, 1979)
7. Solid Rock (Oct. 23, 1981)
8. Are You Ready? (Apr. 30, 1980)
9. Pressing On (Nov. 6, 1979)
10. Shot of Love (July 25, 1981)
11. Dead Man, Dead Man (June 21, 1981)
12. Watered-Down Love (June 12, 1981)
13. In the Summertime (Oct. 21, 1981)
14. The Groom’s Still Waiting at the Altar (Nov. 13, 1980)
15. Caribbean Wind (Nov. 12, 1980)
16. Every Grain of Sand (Nov. 21, 1981)

Per questa volta ho “usurpato” le funzioni di dylanologo del Blog di Marco Verdi, che non era disponibile in quanto dall’altra parte del mondo, ma a novembre in occasione dell’uscita del cofanetto tornerà nella sua veste di “recensore ufficiale”. Aggiungo per i meno avvezzi a Bob Dylan che come concerti dal vivo siamo più o meno nell’epoca di Bob Dylan At Budokan, ma molti concerti dell’epoca sono nettamente superiori alla data giapponese!

Bruno Conti

P.S. Dal Lontano Oriente, nei territori di Sandokan, mi si dice che prenotando la Deluxe Edition direttamente dal sito https://bob-dylan-eu.myshopify.com/products/trouble-no-more-the-bootleg-series-vol-13-1979-1981-deluxe-8cd-dvd, e fino ad esaurimento del quantitativo disponibile, si riceverà in omaggio il doppio CD con il concerto completo a San Diego del 1979. Il costo, comprensivo delle spese di spedizione, è circa 200 euro.